Home Cronaca Net1, il Comune si aggiudica il finanziamento regionale a favore delle imprese...

Net1, il Comune si aggiudica il finanziamento regionale a favore delle imprese su strada

1094
0
Nettuno si aggiudica il finanziamento regionale “Net1” a favore delle reti di imprese tra attività economiche su strada
Si chiama “Net1” il finanziamento fornito dalla regione Lazio al comune di Nettuno. Un chiaro riferimento non solo alla cittadina ma anche alla parola “net” per indicare la rete internet.
Al progetto, che prevede un ampliamento delle connessioni con le realtà economiche locali, è attualmente alla fase iniziale, e vi hanno aderito alcune imprese operanti su strada (abbigliamento e calzature, artigianato, centri estetici, commercio al dettaglio, edicole, gastronomia, oggettistica, oreficerie e commercio preziosi, ottica, parafarmacie, pubblici esercizi, servizi).
L’Amministrazione comunale – si legge nel comunicato – in particolare l’Assessorato e l’Area Attività Produttive, desidera ringraziare quanti hanno costituito la Rete d’Imprese rendendo così possibile l’utilizzo dei fondi regionali che saranno utilizzati per investire sul miglioramento e lo sviluppo del territorio e delle attività produttive“.

E’ ancora possibile per le imprese di aderire a “Net1”; basterà recarsi all’ufficio Suap di Nettuno, in via G. Matteotti 37 per avere tutte le informazioni necessarie. 

L’obiettivo finale, è la valorizzazione del tessuto economico-produttivo per rafforzarne l’identità che verrà definita anche in un brand di posizionamento a livello nazionale.

Il Comune non si sente di escludere anche orizzonti internazionali grazie alle enormi possibilità consentite anche dalle reti e-commerce.

Il progetto prevede azioni in diverse macroaree:

  • governance e manager di rete;
  • interventi di manutenzione e arredo dell’ambiente urbano;
  • azioni complementari alle politiche di mobilità intelligente e miglioramento dell’accessibilità e della fruizione degli spazi nell’area individuata dalla rete;
  • sicurezza, legalità e azioni complementari alle politiche di contrasto dell’abusivismo commerciale; comunicazione, marketing di rete, animazione territoriale, iniziative promozionali e valorizzazione delle eccellenze;
  • innovazione di filiera e gestione di servizi in comune rivolti alle imprese e/o ai cittadini (con sviluppo e promozione di un sistema di banca dati alimentata dagli stessi commercianti o tramite autonoma registrazione degli utenti siano essi consumatori, cittadini, turisti);
  • azioni complementari alle politiche di sostenibilità energetica ambientale.