Home Cronaca Il sindaco Casto furibondo:”un grave attacco ai cittadini di Nettuno”

Il sindaco Casto furibondo:”un grave attacco ai cittadini di Nettuno”

3260
0

Un Angelo Casto furibondo quello che si è presentato in conferenza stampa alle 15,30 presso il palazzo comunale e che si è conclusa poco fa. Il sindaco, in seguito alla diffusione di un falso comunicato stampa in cui viene detto che la consueta festa della Madonna delle Grazie è stata annullata, ha usato le maniere forti e si adoperato per denunciare ai carabinieri il reato che è stato commesso. “E’ stato un attacco non tanto all’amministrazione, ma alla città e a tutti i cittadini di Nettuno – ha detto il sindaco – la cosa grave è che le persone che hanno fatto questa cosa sono una banda di criminali, perchè fabbricare un documento falso è un fatto di una gravità straordinaria. Abbiamo presentato una denuncia ai carabinieri, ci vorrà del tempo ma alla fine sono sicuro che i criminali che hanno fatto tutto questo saranno consegnati alla giustizia. E’ fatto gravissimo, è stato un attacco alla città, alla sua tradizione storica e su questo chiedo la solidarietà di tutti e non le scuse. Non era mai accaduta nella storia di questa manifestazione una cosa del genere, dunque devo constatare che esiste una banda criminale e chi dice che è stato solo uno scherzo significa che non ha capito nulla”.  A questa conferenza era presente, oltre ai consiglieri e assessori della maggioranza,  anche Padre Antonio Coppola. ” Fa piacere vedere compatta tutta la realtà comunale per la difesa di questo momento religioso della città – ha detto il padre passionista – certo che in un momento importante per la popolazione lanciare questi avvisi è davvero di pessimo gusto, è un fatto da condannare e che crea solo confusione. Quando ho sentito la notizia devo dire che l’ho reputata davvero strana, non ho creduto perchè non c’è stato alcun preavviso ed era impossibile che fosse stata presa una decisione senza consultarci e quindi io con i miei collaboratori non abbiamo dato credito a quello che è stato diffuso.”