Home Eventi Nettuno, si rievoca il Miracoloso approdo della Madonna delle Grazie

Nettuno, si rievoca il Miracoloso approdo della Madonna delle Grazie

5056
0

In questo fine settimana Nettuno rievoca il miracoloso approdo della statua di Nostra Signora delle Grazie sulla costa nettunese. Saranno due giorni di eventi ludici e culturali che avranno l’appuntamento più significativo domenica alle 18,30 quando la copia della statua della Patrona di Nettuno sbarcherà proprio davanti al Santuario. Sarà il prologo del Maggio nettunese che avrà il suo momento più significativo con la solenne processione in onore della Patrona che si terrà sabato prossimo. A organizzare la rievocazione è stata anche quest’anno l’associazione “La Stella del Mare” di concerto con i Padri Passionisti e con il patrocinio del Comune di Nettuno. Con la rievocazione dell’approdo, l’Associazione dà voce e corpo alla narrazione di un manoscritto anonimo del 1718 che racconta dell’arrivo dal mare, provenite da Ipswich, in Inghilterra, della statua della Madonna delle Grazie nell’anno del Giubileo del 1550. Diretta a Napoli, l’imbarcazione su costretta da una tempesta a riparare a Nettuno. Per tre volte i marinai tentarono di riprendere il mare, ma invano. Tanto da decidere di lasciare la statua lignea a Nettuno.

Gli appuntamenti di sabato
Dalle 16 di oggi piazza Battisti, piazza Marconi, piazza San Giovanni, piazza Colonna e piazza del Mercato, secondo un programma ben preciso, saranno animante da danze rinascimentali, antichi mestieri con laboratori ludici, con il mercato rinascimentale artigianale con la presenza di stand gastronomici di antichi cibi e bevande della tradizione Nettunese e menestrelli e giocolieri itineranti, un’area ludo-acrobatica per bambini, storie e leggende del popolo nettunese, menestrelli e giocolieri itineranti e spettacoli teatrali. Gli eventi di sabato nelle piazze si chiuderanno alle ore 19,45 in Piazza San Giovanni con un grande e spettacolare spettacolo teatrale della Compagnia Piccolo Nuovo Teatro di Bastia Umbra.
I gruppi presenti all’evento
Domenica 30 aprile, il programma inizierà dalle ore 10,30. Oltre alle danze rinascimentali e agli eventi del sabato che saranno riproposti è prevista l’esibizione degli sbandieratori e arcieri Combusta Revixi di Corinaldo, tamburini Ente Palio di Leonessa, gruppo storico di Anagni, tamburini di Forcamelone, gruppo storico di Leonessa, la scuola di danza Just Dance, Cisalpipers, gruppo storico di Palestrina, Gruppo storico di Paliano, tamburini di Terzone, Piccolo Nuovo Teatro (che alle 17 circa in piazza Mazzini terrà uno spettacolo teatrale), Gts Danza, Musicarmonia, Compagnia del Panda, Gruppo Sbandieratori di Carpineto Romano, Gruppo storico di Carpineto Romano, Gruppo storico di Cave, Timpanari Universitas Leonessa, Gruppo storico di Genazzano, Gemy School di Nettuno, gruppo storico Fanfara Antica città di Paliano, gruppo storico di Roccantica, gruppo storico di Priverno, tamburi Roccantica, gruppo storico di Vallecorsa, Gruppo storico di Sermoneta, il Gruppo Sbandieratori di Sermoneta, l’associazione Palio del Mare di Anzio e la Lega Marinara di Anzio.
La rievocazione del miracoloso approdo
Nel pomeriggio di domenica tutti i gruppi formeranno un corteo storico, che da piazza Mazzini sfilerà sino al Santuario dove alle 18,40 circa saranno presenti all’approdo della statua della Madonna delle Grazie. “Sarà questo un momento molto intenso, devozionale e solenne – sottolinea Gianfranco Rabini, presidente dell’associazione Stella del Mare – dedicato esclusivamente alla preghiera con omaggio di canti tradizionali ed il rinnovo della consacrazione al cuore di Maria della città di Nettuno. Oltre a costituire una solenne manifestazione di devozione del popolo di Nettuno nei confronti della Madonna, la rievocazone rappresenta per le giovani generazioni un formidabile veicolo informativo sulle origini della statua della madonna delle Grazie”.
L’iniziativa “Taverne aperte”
Il programma degli organizzatori ha previsto anche l’iniziativa “Taverne aperte” alla quale aderiscono gran parte dei ristoranti nettunesi che offriranno un menù medievale ai turisti e residenti che parteciperanno all’evento. In particolare hanno aderito: Zero miglia, Romolo, Sottosopra, Molo 22, Pizzeria 4, La casa del tramezzino, Bar Benito, pasticceria Pietrosanti, Bar Colasanti. In piazza del Mercato sarà possibile così degustare piatti popolari di antiche ricette nettunesi.