Home Cronaca Sanità: il sindaco di Nettuno sollecita la costituzione dell’osservatorio intercomunale

Sanità: il sindaco di Nettuno sollecita la costituzione dell’osservatorio intercomunale

1861
0

Il sindaco di Nettuno Angelo Casto sollecita il collega di Anzio Luciano Bruschini ad avviare i lavori dell’osservatorio intercomunale sulle emergenze sanitarie. Ha deciso di intervenire dopo aver incontrato, questa mattina, alcuni dipendenti dell’ospedale di Anzio-Nettuno che hanno esternato serie criticità. “Già un paio di mesi fa – si legge in una nota del sindaco di Nettuno – grazie anche al collega Rodolfo Turano, ci eravamo riuniti ad Anzio con il collega Luciano Bruschini per iniziare un percorso condiviso tra le due amministrazioni per l’istituzione di un osservatorio intercomunale che si prendesse a cuore delle problematiche legate alla situazione dell’importante presidio ospedaliero del territorio”.
Ci eravamo lasciati, in sede di riunione – dove erano presenti anche rappresentanti del mondo medico locale – con l’invito a formulare delle proposte operative e concrete per l’istituzione del citato osservatorio. Ho inviato al mio collega di Anzio – continua Casto -, ai primi dello scorso mese di marzo, una proposta operativa e concreta di livello intercomunale da sviluppare. Sono molto dispiaciuto di non aver ancora ricevuto alcuna risposta alla mia nota e oggi, dopo un mese, mi ritrovo a confrontarmi con personale sanitario che è tornato ad evidenziare criticità già emerse nella riunione tenutasi ad Anzio. Come si può capire, stiamo perdendo tempo prezioso e come autorità sanitarie locali non possiamo permettercelo“.

Tanto è vero che il sindaco di Nettuno ha deciso di scrivere immediatamente una nota alla Regione Lazio e alla direzione generale della Asl Roma6.

Chiedo nuovamente al collega Luciano Bruschini – conclude il sindaco di Nettuno – di integrare la proposta operativa e indicare i nomi di assessori e/o consiglieri da inserire nella commissione intercomunale. Ritengo sia importante collaborare per la risoluzione delle problematiche sanitarie in un territorio conurbato importante come quello di Anzio e Nettuno“.