Home Eventi “Portodanzesi carma”. E alla serata di Primavera scoppia la polemica

“Portodanzesi carma”. E alla serata di Primavera scoppia la polemica

3543
0
Alla serata organizzata dal Comitato per la lotta contro il cancro è salito il trio Mas-cotte che ha sconfinato nella satira politica chiaramente rivolta all’attuale l’Amministrazione. Il Sindaco oggi ha sottolineato che il Comune investe nel sociale e che si rischia di perdere di vista il vero fine della manifestazione 

Investita dalle polemiche politiche la tradizionale “Serata di Primavera” organizzata dal Comitato per la lotta al cancro Anzio-Nettuno. E segnata da una stizzita nota del sindaco di Anzio Luciano Bruschini. Ma andiamo per ordine. Ad alimentare la polemica il trio satirico Mas-cotte che ieri sera sul palco del Moderno, ad Anzio, ha cantato una rivisitazione del brano vincitore del Festival di Sanremo modificando il titolo in “Portodanzese carma”. E l’orecchiabile testo ha sconfinato nella satira politica chiaramente rivolta all’attuale amministrazione che governa Anzio: “ma l’onesta dove sarà”, “lezioni d’onesta comune in fila indiana”. E ancora “amministrazione nuova cercasi” e poi la “folla grida un mantra, la monnezza avanza la puzza te se magna”. Il tutto davanti a una platea stracolma nella quale per il comune di Anzio c’era l’assessore Laura Nolfi in rappresentanza del sindaco Luciano Bruschini assente per problemi di salute, mentre per il Comune di Nettuno oltre al sindaco Angelo Casto erano presenti anche il vicesindaco Daniele Mancini e gli assessori Alessandra Biondi, Simona Sanetti e Guido Fiorillo.

Il testo del brano “Portodanzesi carma”, non è evidentemente andato già al sindaco Bruschini perché è stato visto come una critica all’amministrazione comunale.   “Ad Anzio – si legge in una nota del sindaco – siamo culturalmente abituati ad avere pieno rispetto della satira e della libertà d’espressione… mi auguro che, tra uno spettacolo e l’altro, il locale Comitato per la lotta contro il Cancro non dimentichi il cospicuo supporto economico e logistico silenziosamente prestato dal comune di Anzio dal 2000 a oggi. Anche, nello spettacolo di ieri sera, al Moderno, si è esibita la Corale Polifonica Città di Anzio, unitamente a diversi artisti, alcuni dei quali protagonisti a Villa Adele, che hanno tutti prestato i loro servizi gratuitamente per fare del bene a chi ha bisogno. Mi auguro che anche altri Enti, con i fatti, assumano con il Comitato gli stessi impegni del comune di Anzio in questi ultimi 17 anni. Nonostante l’ironia – continua il sindaco di Anzio – di qualche soubrette improvvisata, di qualche rappresentante del comitato e di qualche direttrice artistica, che hanno scambiato un evento sociale per una manifestazione elettorale, probabilmente tutti con la memoria corta – aggiunge il sindaco –  la Città di Anzio vanta stanziamenti, per il sociale, tra i più alti d’Italia ed oggi e domani continuerà a stare vicino a chi ha bisogno, senza avere l’ossessione della presenza sulle copertine dei giornali”.