Home Cronaca Nettuno, servizio di pulizia del Comune: intervento della Angel Service

Nettuno, servizio di pulizia del Comune: intervento della Angel Service

2135
0

Sulla vicenda relativa all’interruzione, a partire dal 31 dicembre, del servizio di pulizia degli uffici del comune di Nettuno affidato alla cooperativa Angel Service, che impegna sei lavoratrici, interviene con una nota l’amministratore della società Salvatore Masala.“L’amministrazione comunale di Nettuno – scrive Masala – ha deciso di non prorogare ad Angel service il servizio di pulizia degli edifici comunali in scadenza il 31 dicembre 2016. Tale decisione giunge imprevista e soprattutto risulta contraddittoria rispetto alla proroga accordata finora alla Angel service. Il provvedimento di proroga infatti era stato adottato dal Comune di Nettuno in attesa dell’aggiudicazione del servizio al nuovo gestore all’esito della gara pubblica in corso di espletamento. Angel Service, nella programmazione della propria attività, ha pertanto fatto affidamento su una proroga del servizio fino alla aggiudicazione. Al momento la gara non risulta ancora conclusa e non è stato individuato un nuovo gestore del servizio. Le motivazioni dell’iniziale proroga quindi restano tuttora valide”.

“Nonostante ciò – continua l’amministratore delegato di Angel Serviceil Comune di Nettuno ha cambiato idea in ordine al servizio di pulizia in questione senza fornire però alcuna motivazione ad Angel service. Inoltre, da quanto si apprende dalla stampa locale, il Comune avrebbe intenzione di affidare il servizio a Poseidon Srl, la cui attività dichiarata in camera di commercio è di collocamento lavoratori e non di pulizia. Tale incresciosa situazione comporta conseguenze gravissime anche per i lavoratori impiegati nei servizi appaltati, determinando infatti l’improvvisa mancata proroga, una concreta, effettiva e pregiudizievole compromissione della situazione lavorativa per gli addetti coinvolti, provocando loro ed alla Angel Service un grave ed irreparabile danno.  Pende pertanto, allo stato, pregiudizio assoluto sulla sorte dei lavoratori e delle loro famiglie”.