Home Cronaca Nettuno Cretarossa, avviata la procedura di revoca della gestione di una delle spiagge...

Cretarossa, avviata la procedura di revoca della gestione di una delle spiagge libere

5930
0

Il comune di Nettuno ha avviato la procedura per la revoca della gestione della spiaggia libera attrezzata sul litorale di Cretarossa per la mancata attivazione del servizio di vigilanza e soccorso in mare. Si tratta del tratto compreso tra lo stabilimento balneare Nettuno Beach e il tratto di arenile occupato dai diportisti.

La decisione di avviare la procedura di revoca è stata presa dalla dirigente comunale Elisabetta De Santis in seguito alla relazione dell’Ufficio Circondariale Marittimo che dopo l’incidente – per fortuna a lieto fine – occorso alla bambina moldava che mercoledì mattina ha rischiato di annegare proprio sul tratto di mare davanti alla spiaggia libera, ha accertato l’assenza del servizio di pronto intervento a mare come previsto dalle convenzioni stipulate tra il Comune e i gestori delle sette spiagge libere attrezzate. Tanto è vero che nell’emergenza, ad aiutare il papà della piccola erano intervenuti i bagnini dello stabilimento balneare confinante. Una grave carenza certificata dall’Ufficio Circondariale Marittimo che ha spinto il Comune ad avviare la procedura di revoca della concessione; in attesa della definizione della procedura, il gestore del tratto di spiaggia libera attrezzata è stato diffidato a rispettare le disposizioni della convenzione per quanto riguarda i soccorsi in mare.

Sempre sulla gestione delle spiagge libere attrezzate il comune di Nettuno ha già diffidato al rispetto della convenzione i gestori di altri due tratti di arenile sul litorale di Cretarossa: in questi casi piantano ombrelloni e sistemano sdraio come fossero uno stabilimento balneare invece di affittare l’attrezzatura in base alla richiesta, occupando fin dal primo mattino un ampio spazio di arenile che invece dovrebbe restare a disposizione dei cittadini. “Le continue violazioni della convenzione – spiegano dal Comune – possono portare i gestori delle due spiagge libere attrezzate a essere esclusi dal bando della prossima estate”.