Home Oroscopo L’Oroscopo della settimana dal 18 al 24 giugno

L’Oroscopo della settimana dal 18 al 24 giugno

2015
0

A cura di Gaia Rosini
Il Blog di Astri & DisAstri http://astramente.blogspot.it/
Astri & DisAstri su https://www.facebook.com/astriedisastri

ARIETE 
ariete“Tagliare è, nell’immaginario, sempre doloroso. Eppure, quando il tempo è maturo, basta la pressione lieve di un polpastrello per far staccare dal ramo una foglia.” Cari Ariete, è il momento ideale per tagliare, ci sono risorse a vostra disposizione per fabbricare spazio da dedicare al nuovo che avanza. Guadagnate leggerezza, alleggerite la zavorra, fabbricate spazio per altri rapporti, per chiacchiere e discorsi.

TORO 
toro“Bisognerebbe ricordare quanto ogni nostro gesto sia d’esempio a qualcun altro e quanto serva a mantenere o rompere equilibri. Imitare e creare con le proprie azioni un ambiente in cui sarà naturale agire per il meglio.” Cari Toro, piuttosto che sentirvi sminuiti da chi vi sembra migliore, fatene un esempio e poi impegnatevi a diventare un modello vivente per chi ha ancora molto da imparare.

GEMELLI 
gemelli“Sii gentile, sii paziente. Ognuno sta combattendo la sua battaglia personale. Siamo tutti idealmente in diritto d’essere scortesi. Perché ognuno si trascina dietro un fardello di dispiaceri e delusioni. Ma da qualche parte la catena va spezzata. E qualcuno deve cominciare.” Potete essere voi quel qualcuno? Se la risposta è no, vi chiedo di spezzare la catena almeno nei confronti di voi stessi e cominciare da lì.

CANCRO 
cancro“La felicità si costruisce passo passo. Immaginare la persona che saremo e che, della fatica che oggi accumuliamo, raccoglierà succosi i frutti. Allora diventa un po’ come architettare un regalo di compleanno per qualcuno che ci è caro. Per rendere felice il Sé di quel giorno che sarà.” E’ il momento ideale per, per regalare qualcosa alla versione di voi che vi sta aspettando nel futuro. Fatelo subito.

LEONE 
leone“Nella lingua giapponese Grazie si mischia a Scusa, perché si è consapevoli di come spesso ciò che si riceve, sottrae qualcosa a chi lo dà. Il compito di chi riceve è non dare il ricevuto per scontato, operando un esercizio di immaginazione che lo metta nei panni di chi dà.” Accogliete i doni che vi arrivano con la grazia con cui ricevereste la corona sul vostro capo. Non c’è umiliazione ma conferma di valore.

VERGINE 
vergine“Di fronte all’ossessione del perfetto risulta difficile accettare ciò che non lo è, valorizzare le cicatrici che ci portiamo addosso e che ci ricordano chi siamo. Si sente la vergogna del difetto, la ferita viva che si teme attirerà tutti gli sguardi, la disapprovazione. Ma gli unici occhi che ci guardano con quella severità sono i nostri.” Sedetevi sulle ceneri di quello che credevate di essere e ricominciate da lì.

BILANCIA 
bilancia“Arrivo alla stazione e lì mi si apre la scelta. Se tornare a casa oppure passeggiare, mutare itinerario. Mi dico: ‘Non avere fretta di arrivare’ La mèta è la conclusione d’una avventura, la fine d’un sentimento.” Accogliete la possibilità della scelta. Non vi affrettate a rincorrere la mèta senza godervi il paesaggio. In ciascuna scelta c’è un traguardo ad attendervi. Un nuovo punto di partenza da cui ricominciare.

SCORPIONE 
scorpione“Ma anche la dimenticanza è una benedizione, quella che ferma l’ingordigia, la tensione verso la memoria che a volte supera persino la voglia e la capacità di vivere il momento. Accumulazione di scatti, il mostrare – che non sempre coincide con un autentico vedere.” Frenate l’ingordigia e fate della dimenticanza una benedizione. Appendente lo sguardo a un ramo d’albero senza trattenere per il domani.

SAGITTARIO
sagittarioSembra nessuno più si accorga che riuscire al primo tentativo è una rarità. Per arrivare al dieci serve l’uno e il due, il tre e il quattro. Può capitare di saltare un cinque o un sei, ma allora il sette sarà più faticoso, servirà più tempo per raggiungerlo. La gradualità rassicura, ma non è semplice sopportarne la lentezza. Eppure serve e non la si può evitare. L’importante è non fissarsi sull’età e sui tempi.

CAPRICORNO 
capricorno“Esiste in Giappone un’arte che fa dell’errore un’opportunità, della fine un inizio. Dell’irreparabile, bellezza. È kintsugi, l’oro che si fa colare nelle saldature di un oggetto di ceramica che ha subìto un incidente. È l’attesa trepidante e gioiosa nel vedere cosa verrà fuori dalla riparazione. La felicità rappresa nell’errore.” Rimettete assieme i pezzi anche se non combaciano. Riempite d’oro le ferite.

ACQUARIO 
acquarioIn Giappone esiste un evento meraviglioso, la fioritura dei ciliegi. In altri periodi dell’anno nessuno sospetta che quello sia un ciliegio e lascerà tutti a bocca aperta. Come con le quelle persone da cui non ci si aspetta nulla, quelle meno appariscenti. Anche per loro arriva il momento di assoluta perfezione in cui fioriranno con tale abbondanza da non lasciar spazio neppure alle foglie. Cari Acquari, siate ciliegi.

PESCI 
pesci“La fragilità dell’equilibrio tra ciò che si deve e ciò che si vuole fare ci trova impreparati. Cosa è davvero necessario? Cosa ci si può invece risparmiare? Per farsi del bene serve l’altruismo. Letteralmente. Vedere in sé dell’altro. Un altro. Guardarlo da fuori e capire infine quanto meriti la gioia.” Osservatevi da fuori e comprendete fino in fondo quanta gioia meritate. Non vi risparmiate. Non procrastinate.