Home Calcio Calcio, a Villa Claudia i giovani incontrano le società professionistiche

Calcio, a Villa Claudia i giovani incontrano le società professionistiche

4133
0
"Villa Claudia" senza calcio questa mattina

E’ in corso di svolgimento al campo sportivo Villa Claudia di Anzio un’importante giornata di incontro tra giovani calciatori locali e osservatori di diverse società professionistiche, tra cui Inter, Fiorentina, Genoa, Juventus, Lazio, Torino, Empoli e Bologna e altre di serie B e LegaPro. In campo un centinaio di ragazzi appartenenti a club di tutto il Lazio, nati tra il 2000 e il 2003, tra cui i freschi campioni provinciali del Falasche Giovanissimi fascia b; in tribuna gli osservatori a caccia di promesse da portarsi a casa. “La giornata sta procedendo al meglio – dice il talent scout Mario Bartoli, uno degli organizzatori – l’idea è quella di permettere ai ragazzi più promettenti che abbiamo già visionato sui vari campi laziali di mettersi in mostra davanti agli osservatori di società di altissimo livello. Voglio ringraziare le società che hanno permesso ai loro atleti di partecipare e soprattutto il Falasche per aver organizzato in maniera impeccabile l’evento”. A dirigere i lavori il direttore generale Gianluca Nicolò: “Siamo contenti di ospitare questo evento che dà al Falasche una bella visibilità e permette anche ai nostri ragazzi di farsi conoscere dai grandi club”. Nell’organizzazione c’è anche Francesca Alfieri, avvocato civilista e procuratore Figc: “Questi eventi nascono per dare l’opportunità ai giovani più promettenti di mettersi in mostra e avere la possibilità di entrare a far parte delle giovanili di club di serie A o B. Purtroppo sono ancora troppo pochi i giovani che dai settori giovanili approdano nelle prime squadre, spesso si vanno a prendere giocatori stranieri spendendo molto per l’età di cui parliamo e poi si ignorano gli italiani che fanno bene nelle giovanili. Noi vogliamo invertire la tendenza. Il Falasche ha organizzato molto bene questo evento e a giugno ripeteremo l’esperimento, stavolta con ragazzi più grandi classi ’97-’98-’99”.