Home In evidenza Nicola Burrini: “Chi vuole esportare a Nettuno la politica delle biogas non...

Nicola Burrini: “Chi vuole esportare a Nettuno la politica delle biogas non è il benvenuto”

2057
0

Si infuoca la campagna elettorale a Nettuno. A dare fuoco alle polveri l’ex consigliere comunale espulso dal Pd e oggi candidato sindaco Nicola Burrini. Che sul tema delle centrali biogas entra deciso, temendo condizionamenti delle liste che vengono da Anzio. E non esita a puntare il dito contro la lista Enea dell’assessore all’Ambiente del comune di Anzio Patrizio Placidi, “sponsor” della centrale biogas della Spadellata, che scende in campo a Nettuno. L’occasione dell’affondo è l’ufficializzazione della candidatura al consiglio comunale di Pamela Polito, ex consigliere espulsa anche lei dal Pd che aveva deciso di non candidarsi dopo la nascita della piccola Beatrice (auguri alla neo mamma). Poi il ripensamento.

“Pensavo di non poter conciliare il ruolo di politico con quello di mamma – ha spiegato Polito – ma poi mi sono resa conto che avrei potuto continuare anche per senso di responsabilità nei confronti degli elettori. Per questo ho deciso di tornare in campo a fianco di Nicola Burrini per continuare la mia battaglia a favore di un bilancio comunale equo che guardi alle fasce deboli e per la razionalizzazione delle spese”.
Dopo Pamela Polito è intervenuto Burrini che è andato subito al sodo puntando il business delle centrali biogas.

“Ribadiamo la nostra posizione a favore di un bilancio solidale e di una politica turistica per il rilancio economico di Nettuno – ha detto – E’ quindi ovvio che in questa prospettiva ribadiamo con forza la nostra contrarietà alla realizzazione di centrali biogas sul nostro territorio e lo diciamo a voce alta, da uomini liberi da condizionamenti. Ci aspettiamo che anche altri candidati sindaci si esprimano chiaramente (Angelo Casto del Movimento 5 Stelle aveva già espresso la propria contrarietà alle centrali biogas ndr). Ed è quindi ovvio che chi viene da Anzio a fare politica a Nettuno pensando di esportare la politica delle biogas e di interessi non in linea con le aspettative dei cittadini nettunesi non è il benvenuto”. E non ha esitato a puntare il dito contro la lista Enea dell’assessore anziate Patrizio Placidi fautore dell’impianto della Spadellata: “Mi auguro che certi modi di fare amministrazione non vengano esportati a Nettuno – ha rimarcato Burrini – Ed è poi curioso che in lizza a Nettuno ci saranno due liste (che fatto parte del cartello che sostiene Rodolfo Turano ndr.) formate da due assessori come Placidi e Roberta Cafà che ad Anzio sono su posizioni diametralmente opposte. Ovviamente vigileremo”.