Home In evidenza Anzio, in arrivo Noli e Savarino alla guida della Capo d’Anzio. Ora...

Anzio, in arrivo Noli e Savarino alla guida della Capo d’Anzio. Ora il porto si farà?

1638
0

Intanto il Pd chiede al Sindaco Bruschini di procedere alla immediata acquisizione di tutte le aree della concessione come sollecitato dalla Regione Lazio, mettendo in campo la sua proposta di ricapitalizzazione 

Sembra finita la corsa frenetica alla ricerca del sostituto del dimissionario Luigi D’Arpino alla carica di presidente della Capo d’Anzio. Dopo il rincorrersi di insistenti voci, sembra certo che la scelta ricadrà sull’ingegner Alberto Noli, che partecipò alla realizzazione del progetto del nuovo porto di Anzio. Al posto, invece, di Franco Pusceddu dimissionario all’ultimo consiglio di amministrazione insieme a D’Arpino, dovrebbe andare il segretario generale Pompeo Savarino.

Ma mentre a Villa Sarsina si cerca di riprendere il bandolo della matassa – perso definitivamente all’alba delle denunce dell’ex Presidente  che ha lasciato “a causa delle minacce ricevute durante l’incarico” – è ancora una volta il Pd a sottolineare come “nessuno si preoccupa della probabile cessione della Società Capo d’Anzio e della perdita definitiva del Porto che causerà un danno irreparabile alla città”. Il partito guidato da Gianni De Micheli insiste ancora sulla necessità di portare la vicenda in consiglio comunale:

I nostri consiglieri (Bernardone, Lo Fazio e Mingiacchi, ndr) hanno protocollato una richiesta di convocazione urgente dell’assise – riferisce il segretario anziate – Purtroppo per rendere obbligatoria la convocazione del consiglio occorrono cinque firme. Come mai i consiglieri di opposizione a cominciare dai 5Stelle per proseguire con il noto rivoluzionario Maranesi che tutti i giorni ci ricorda che, lui è dalla parte dei cittadini, non sono corsi a firmare la richiesta di convocazione?”.