Home Cronaca Apertura Punto nascita all’ospedale di Anzio: 1150 firme raccolte dal Comitato in...

Apertura Punto nascita all’ospedale di Anzio: 1150 firme raccolte dal Comitato in poche ore

46
0

Raccolte ben 1150 firme tra sabato e domenica nell’unico banchetto, per ora, allestito in piazza Pia ad Anzio per sostenere la riapertura del Punto nascita presso l’ospedale “Riuniti“ di Anzio, scippato dalla regione e dalla Asl Roma 6 a questo territorio con la decisione di aprirlo presso l’ospedale di Velletri. Un vero e proprio colpo di mano, lo ricordiamo, considerato che nel programma sanitario triennale 2021-2023 era stata prevista la sua apertura proprio all’ospedale di Anzio, anche in virtù di una relazione tecnica dettagliata che ne spiegava i motivi. Motivi che sono misteriosamente spariti quando lo scorso dicembre la regione ha spostato l’apertura del Punto nascita da Anzio a Velletri. Una chiara azione a politico-campanilistica. Ad Anzio la decisione di regione e Asl ha spinto alla costituzione di un comitato cittadino formato da Patrizio Colantuono, Maria Cupelli, Sergio Mangili e da una associazione di volontariato che hanno lanciato la raccolta di firme. “Queste prime ore – spiegano dal Comitato – sono state straordinarie considerato che tra sabato e domenica abbiamo raccolto ben 1150 firme, e questo nonostante la pioggia. Il nostro obiettivo è raccoglierne 10.000 ed andare alla regione, consegnarle e far valere i diritti di questo territorio. Ovviamente la raccolta firme non avviene solo in P.zza Pia dove saremo tutti i fine settimana di Luglio dalle 10 alle 12.30 e dalle 18 alle 20 ma anche nei quartieri”. Banchetti saranno infatti presenti anche nella seconda edizione di “Cinema in Strada” a Lavinio Stazione, Zodiaco, Falasche e Quartiere Europa. Per sabato prossimo a partire dalle 10, un banchetto sarà allestito anche davanti all’ospedale e “Riuniti” di Anzio. Si sta organizzando anche l’allestimento di altri banchetti sul territorio del Comune di Nettuno.

Alla raccolta di firme stanno collaborando inoltre medici di base, commercianti e tanti tanti cittadini si stanno organizzando.

Testimoni “smemorati” – Clicca e sfoglia gratis il settimanale online Il Granchio