Home Cronaca Chiusura punto nascita ospedale di Anzio, la Asl: “È stata una decisione...

Chiusura punto nascita ospedale di Anzio, la Asl: “È stata una decisione della Regione”

18
0

Lo spostamento del Punto nascita dall’ospedale “Riuniti” di Anzio a quello di Velletri lo ha deciso la regione Lazio. È questa la risposta data dal direttore sanitario della Asl Roma 6 Vincenzo La Regina al quesito sollevato dai commissari dei Comuni di Nettuno e Anzio, Antonio Reppucci e Francesco Tarricone, presenti alla conferenza dei sindaci della Asl che ieri, nella sala consigliare del comune di Pomezia, ha approvato l’atto aziendale.

Il perfetto Reppucci, anche a nome del collega Tarricone, aveva formulato nuovamente la domanda sul Punto nascita del “Riuniti” al commissario straordinario della Asl Roma 6 Francesco Marchitelli che era accompagnato dal direttore sanitario La Regina. Quest’ultimo in dieci secondi ha liquidato la questione. Sullo spostamento del Punto nascita di Anzio a Velletri, si è infatti così espresso: “Quella è una programmazione regionale – ha detto La Regina – noi ci atteniamo a quello che la regione programma. Ognuno fa il proprio mestiere. Quindi, quando la regione dovesse (decidere ndr), noi siamo pronti ad obbedire”.

Una dichiarazione sconcertante, se si considera che le decisioni prese dalla regione sul piano sanitario triennale si basano sui dati che vengono forniti dalle Asl, in questo caso dalla Roma 6.

Intanto, questa mattina vertici regionali e della Asl hanno eseguito un sopralluogo all’ospedale per “Colombo“ di Velletri dove il punto nascita sarà operativo nei prossimi giorni. Nel frattempo, continua la mobilitazione del comitato cittadino per la riapertura del punto nascita ad Anzio: l’appuntamento è per sabato 6 luglio alle 10 in piazza Pia ad Anzio per la inizio della raccolta delle firme.

 

Ulteriori approfondimenti sulla questione all’interno del giornale scaricabile a questo indirizzo:

Testimoni “smemorati” – Clicca e sfoglia gratis il settimanale online Il Granchio