Home Cronaca Anzio, “Marcia della Pace” degli alunni degli istituti comprensivi cittadini

Anzio, “Marcia della Pace” degli alunni degli istituti comprensivi cittadini

115
0

La settimana dedicata alle celebrazioni per l’80º anniversario dello Sbarco anglo-americano sulla costa di Anzio e Nettuno, si è conclusa questa mattina, ad Anzio, con la “Marcia della pace” che ha visto sfilare circa trecento alunni degli istituti comprensivi cittadini. Un corteo variopinto, con i bambini che hanno indossato cappellini di diverso colore e sventolato tanti disegni inneggianti alla pace. Gli alunni, gli insegnanti, la corale e la banda cittadina si sono ritrovati davanti al monumento di Angelita dove, dopo l’esecuzione dell’omonimo brano, si sono mossi in lungo la riviera Mallozzi in direzione della statua del pescatore; quindi hanno raggiunto via Mimma Pollastrini dove hanno donato un omaggio floreale alla famiglia di Alfredo Rinaldi che, giovanissimo, dopo lo sbarco si schierò con gli alleati. Il corteo è quindi proseguito fino a Piazza Cesare Battisti. Qui la dirigente del primo Istituto comprensivo, professoressa Enza Di Lillo, ha ricordato il significato della parola pace e la necessità di costruire un futuro migliore per le nuove generazioni. Hanno quindi preso la parola nell’ordine il dirigente del Commissariato di polizia Primo dirigente Tommaso Niglio, il capitano Alessandro De Palma della Compagnia carabinieri e il capitano Cristiano Simonitti della Compagnia della Guardia di Finanza. Tutti nei loro interventi hanno evidenziato la necessità di proteggere le nuove generazioni. Durante la manifestazione la docente Maria Ausilia D’Antona accompagnata dal coro degli alunni e da tutti presenti in piazza Garibaldi ha intonato la bellissima canzone “Generale” di Francesco De Gregori; successivamente, è stata anche cantata “La guerra di Piero“ di un altro grande cantautore, l’indimenticato Fabrizio De André. Durante la manifestazione è stato intonato anche l’inno di Mameli. Una mattinata speciale, che ha chiuso in maniera degna le celebrazioni dello sbarco alleato.