Home Cronaca Anzio, al Comprensivo V lezioni iniziate con serenità

Anzio, al Comprensivo V lezioni iniziate con serenità

316
0
Anzio V greco

Riceviamo e pubblichiamo una lettera di un gruppo di genitori dell’Istituto Comprensivo Anzio V. Non tutto va per il verso sbagliato in questo inizio di anno scolastico, partito tra mille difficoltà. C’è anche chi è riuscito ad organizzarsi al meglio e chi capisce che comunque, in una situazione come questa, è necessario anche un po’ di spirito di adattamento.

 

Gentile Direttore,
siamo un gruppo di genitori dell’Istituto Comprensivo Anzio V, che, come molti già sanno, è dislocato nelle tre sedi del Virgilio di Lavinio Stazione (in cui ci sono tutti e tre gli ordini scolastici), del Leonardo da Vinci di Lido dei Pini in cui ci sono la scuola primaria e quella dell’infanzia) e della Sirenetta di Lavinio Mare (scuola dell’infanzia). Abbiamo deciso di scriverle a più mani per rispondere a quanto si vede e si legge sui social e sulla stampa locale, stavolta come voce “fuori dal coro”. Senza dilungarci troppo in polemiche sterili o in apologie non richieste, quello che vogliamo fare è raccontare i primi giorni di scuola dei nostri figli. Anche noi ci siamo dovuti adattare inizialmente al cosiddetto “doppio turno”, durante il quale i nostri figli hanno frequentato la scuola per poche ore, ma esso è durato solo i primi quattro giorni (parliamo delle scuole medie). Già da mercoledì 30 settembre i nostri figli possono andare a scuola seguendo un orario provvisorio, è vero, ma avendo TUTTI il proprio banco singolo ed entrando insieme in classe senza suddivisione della stessa in gruppi minori. Ogni sede si è organizzata al meglio delle proprie possibilità per far entrare e uscire bambini e ragazzi in momenti e luoghi differenti, in modo da creare meno assembramento possibile. Da quello che i nostri figli ci raccontano, sappiamo che le lezioni si svolgono in serenità, con le precauzioni dovute all’emergenza che stiamo vivendo, ma senza essere caricati di ansie o di paure. In classe non hanno l’obbligo di tenere la mascherina, quando sono seduti al loro banco, perché, fortunatamente, ci sono i giusti metri quadri per fare in modo che l’ormai celeberrima rima buccale sia rispettata. Da quanto ci dicono alcuni insegnanti con cui abbiamo avuto modo di confrontarci, bambini e ragazzi sembrano già essersi responsabilizzati e aver capito come muoversi in sicurezza. Certo, ci sono ancora molti problemi da risolvere, come, per esempio, l’accatastamento di materiale dismesso accanto al muro adiacente al parcheggio della stazione, che ancora non permette ai nostri figli di poter accedere all’istituto attraverso un ulteriore ingresso. Tuttavia questa “mancanza” non è attribuibile alla Dirigenza della scuola, che, sappiamo bene, richiede da tempo e quotidianamente l’intervento del Comune per la rimozione del tutto, restando ancora inascoltata. Stesso dicasi per la richiesta di Vigili a presidiare il cancello del lato Stazione… Nonostante ciò, nonostante molti docenti stiano ancora aspettando la convocazione dall’URS per poter tornare a lavorare al Virgilio, Anzio V ha iniziato questo strano anno scolastico nel modo più possibile vicino alla normalità. Vorremmo approfittare dunque della sua disponibilità per ringraziare tutto il personale di questo istituto per il lavoro che ha svolto e che continua a svolgere incessantemente per i nostri bambini e i nostri ragazzi.
Ringraziandola per l’attenzione e per la pubblicazione, inviamo i nostri più cordiali saluti

Un gruppo di genitori di Anzio V