Home Cronaca Anzio, l’Ufficio del Turista sarà smantellato: illusione di un’estate

Anzio, l’Ufficio del Turista sarà smantellato: illusione di un’estate

2
0
SHARE
Il sindaco di Anzio Candido De Angelis ha dato disposizione di trasferire l’ufficio commercio dalla sede di piazza Cesare Battisti – che sarà interessata da lavori di ristrutturazione – alla sede dell’Ufficio del Turista di piazza Pia inaugurato a luglio e che è stato una delle location in occasione della visita dell’attore e regista Carlo Verdone ad Anzio in occasione del conferimento della cittadina onoraria. Dopo due mesi l’Ufficio del Turista si avvia ad essere smantellato. Una decisione incomprensibile se si considera che gli uffici del commercio potrebbero essere trasferiti o a Villa Sarsina dove ci sono spazi in abbondanza, o, meglio, presso la palazzina nel parco di Villa Adele che fino ad alcune settimane fa ha ospitato gli uffici e il comando della Polizia locale.
E invece arriva incredibilmente la decisione di smantellare l’Ufficio del Turista i cui costi di ristrutturazione e allestimento sono stati di circa 40 mila euro. E pensare che doveva essere il fiore all’occhiello per quanto riguarda il servizio informazione e promozione di eventi turistici. E invece da inizio ottobre è stato chiuso proprio in vista del suo smantellamento a favore dell’Ufficio commercio. Una decisione sconcertante che si apprende nelle ore in cui il sindaco partecipa alla presentazione della manifestazione per lanciare la Minestra dei pescatori portodanzesi. L’ufficio del Turista avrebbe dovuto infatti distribuire i depliant della bella iniziativa che valorizza un prodotto dell’enogastronomia del territorio e ospitare anche le dodici foto della mostra fotografica “La filiera” di Elisa Cucina con scene di vita e di lavoro dei pescatori di Anzio. E invece niente. Una decisione sinceramente incomprensibile quella del sindaco De Angelis. Speriamo ci ripensi.