Home Cronaca Nettuno, 44 beneficiari del reddito cittadinanza al lavoro per il Comune

Nettuno, 44 beneficiari del reddito cittadinanza al lavoro per il Comune

1080
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Il comune di Nettuno comunica che è partito il primo dei tre progetti utili alla collettività (P.U.C.) che vedrà coinvolti complessivamente dodici beneficiari del Reddito di Cittadinanza. Da questa mattina sono partite le attività che riguardano il decoro delle spiagge libere, il monitoraggio e la pulizia dei rifiuti abbandonati nell’ambito del progetto denominato “Spiagge libere per la collettività nettunese”.

Il secondo progetto, denominato “Forte Sangallo – Un bene Comune”, partirà mercoledì 10 agosto e vedrà coinvolti complessivamente altri dodici beneficiari del reddito di cittadinanza. Le attività riguarderanno: il supporto nel servizio vigilanza, la manutenzione e la salvaguardia del Forte Sangallo, il supporto nell’assistenza informativa a turisti e visitatori e il controllo degli accessi ai piani oltre che la la custodia dei beni.

L’avvio del terzo progetto, denominato “Aiuole e fioriere per la collettività nettunese”, è previsto invece per il mese di settembre con il coinvolgimento di venti beneficiari del reddito di cittadinanza. Le attività riguarderanno: la manutenzione delle aree verdi su tutto il territorio urbano, la pulizia e la rimozione dei piccoli rifiuti che vengono lasciati all’interno delle aiuole e fioriere o comunque trasportati dal vento, nonché la rimozione delle erbe indesiderate, la manutenzione dei parchi e delle aree archeologiche, l’assistenza durante le manifestazioni svolte sul territorio attraverso la sensibilizzazione al riciclo.

Questi progetti – spiega il Commissario Straordinario Bruno Stratirappresentano un’occasione di inclusione e crescita per i beneficiari del reddito di cittadinanza e per la collettività: i progetti, infatti, sono strutturati adeguatamente alle competenze professionali del beneficiario, a quelle acquisite anche in altri contesti ed in base agli interessi e alle propensioni emerse nel corso dei colloqui sostenuti presso il Servizio Sociale del Comune ed il Centro per l’Impiego. Ringrazio per il lavoro svolto tutti gli uffici comunali che hanno reso possibile questa importante iniziativa”.