Home Cronaca Nettuno, settimana dei diritti dei bambini: proseguono le iniziative dell’I. C. III

Nettuno, settimana dei diritti dei bambini: proseguono le iniziative dell’I. C. III

89
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Prosegue all’I.C Nettuno III la settimana dei diritti dei bambini promossa dal Dirigente scolastico Dr. Marco Di Maro e organizzata dalla Professoressa Enrica Gasbarri nell’ambito dei progetti relativi all’insegnamento dell’Educazione civica. Ieri mattina il secondo appuntamento ha visto come protagonisti gli alunni delle classi ID e IE, che hanno accolto il vicesindaco Alessandro Mauro in un’atmosfera carica di emozioni, per riflettere insieme sui diritti dei bambini e, in particolare, sul diritto al gioco e allo sport.
Successivamente i ragazzi hanno presentato ed esposto i loro lavori ricordando la Convenzione ONU del 20 novembre 1989 e si sono soffermati a parlare dell’infanzia negata, evocando le storie tragiche di Amina, Cadepeno e Mino, bambini sfruttati, che lavano i vetri, bambini invisibili che devono lavorare e non possono studiare né giocare, bambini che non conosceranno mai la loro infanzia. I canti del coro d’Istituto “Andante con brio” hanno accompagnato l’incontro, dando voce alle speranze di tutti i presenti per un futuro migliore.

La seconda parte della mattinata è stata dedicata alle interviste da parte degli alunni al vicesindaco con delega al turismo, sport e spettacolo, a cui sono state rivolte domande sullo sport.
Dalla conversazione è emersa la grande valenza educativa di tutte le attività sportive, attraverso le quali i bambini e gli adolescenti migliorano la fiducia in se stessi, sperimentano il valore dell’impegno, della lealtà e della competizione onesta, apprendendo il rispetto delle regole, pertanto, tutti i bambini dovrebbero avere la possibilità di accedere alla pratica sportiva. A questo proposito sono state indicate tutte le iniziative proposte dalla nostra cittadina ai più giovani.

A conclusione della giornata, è stata donata al vicesindaco una pergamena realizzata dagli alunni, come ringraziamento per il suo impegno quotidiano a tutela del diritto allo sport.