CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

In relazione alla grave emergenza che sta attraversando da giorni il Comune di Anzio sul fronte dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, interviene il Partito democratico con una lettera al sindaco Candido De Angelis.
“Caro Sindaco Candido De Angelis, come lei ben sa le bugie hanno le gambe corte, la sua richiesta di aiuto presentata alla Regione Lazio per risolvere l’emergenza dei rifiuti è stata presentata soltanto mercoledì 28 luglio 2021 e in appena 48 ore è stata accolta con deliberazione di giunta (quella che lei considera sempre punitiva nei suoi confronti) in appena 48 ore.
Dovrebbe dimostrare serietà e correttezza istituzionale, che a lei difetta molto, e ringraziare la giunta Zingaretti che al di la del colore politico delle giunte locali, come la sua di destra, risolve le situazioni più spinose in pochissime ore. Certo – continua la nota – lei non è abituato al confronto politico istituzionale pertanto prenda esempio dalla Giunta Zingaretti ed impari la lezione di bon ton istituzionale e di democrazia nonché di rispetto per chi non la pensa come lei.
Però non possiamo non porle alcune domande:
1) Perché non dice nulla della Raggi sindaca di Roma che con la sua politica egoistica e fallimentare sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti sta scaricando sui comuni e sui cittadini della provincia romana? Il ringraziamento ai 5 stelle anziati è per ingraziarzeli?
2) Come mai nella raccolta dei rifiuti l’indifferenziata del Comune di Anzio scende in pochissimo tempo da quasi 80% ad un misero 43%? Il conteggio dell’indifferenziata era sbagliato prima o c’è dell’altro?
3) Perché a Nettuno tutto questo disagio non è stato evidente come nella nostra città?
Solo per quanto le stiamo osservando e chiedendo – conclude la nota del Partito democratico – dovrebbe almeno scusarsi e ringraziare pubblicamente ed a gran voce il Presidente Zingaretti e la sua giunta, invece di fare i soliti giochini di fumo che i cittadini hanno ormai cominciato a capire bene e che solo alcuni “nani politici” possono ancora crederci”.