Home Cronaca Nettuno, denuncia dei cittadini: “Sparito un tratto di spiaggia libera a Cretarossa”

Nettuno, denuncia dei cittadini: “Sparito un tratto di spiaggia libera a Cretarossa”

431
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Polemica sull’assegnazione delle spiagge libere al Comune di Nettuno. In realtà in questo caso sembra proprio, in base a quanto riferiscono alcuni cittadini, che un tratto di spiaggia libera della zona del litorale di Cretarossa non sia stata inserita nell’avviso pubblico e sarebbe stata annessa ad uno stabilimento balneare. Si tratta di 60 metri lineari di arenile che erano inseriti nel piano triennale 2018-2021 per l’assegnazione delle spiagge libere attrezzate. In particolare il problema riguarda la zona di fronte via Eolo, a Cretarossa. Fino all’ultimo bando tra gli stabilimenti Bellavista e 7 Fiori Blu esistevano due tratti da 60 metri lineari ciascuno che venivano offerti per la gestione; nel bando di quest’anno uno dei due, quello adiacente lo stabilimento Bellavista, “sparisce” improvvisamente e dunque non fa più parte dell’elenco dei lotti per cui presentare domanda; nella mappa allegata al bando risulta essere l’unico tratto di spiaggia libera colorato di giallo, mentre quelle da affidare sono numerate e colorate di blu. E mentre i 60 metri lineari di spiaggia che confinano con lo stabilimento 7 Fiori Blu vengono regolarmente assegnati, gli altri 60 lineari confinanti sarebbero stati invece inglobati dallo stabilimento balneare Bellavista. “Fino all’anno scorso era il più importante tratto di spiaggia libera di questo litorale – spiega un residente – ed oggi la spiaggia libera della quale potevamo fruire fino all’anno scorso è stata dimezzata. Non è giusto”.
Toccherà alla polizia locale e alla Capitaneria di porto effettuare tutti i controlli per accertare che quei 60 metri lineari di arenile debbano tornare alla libera fruizione da parte dei bagnanti. Resta l’anomalia riferita al fatto che l’ufficio demanio del Comune di Nettuno al momento della pubblicazione dell’avviso pubblico per la gestione delle spiagge libere attrezzate, non abbia inserito questo lotto tra quelli in gara. Perché? Il Comune deve dare una risposta ai cittadini e ripristinare, se necessario, la legalità. Ma la storia è molto strana. Questo e altro sul Granchio in edicola questa sera