Home Cronaca Anzio, biodegradabili alla Spadellata: accordo con la Anziobiowaste

Anzio, biodegradabili alla Spadellata: accordo con la Anziobiowaste

78
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE
Il principio di economicità prevale sugli impegni elettorali. La Giunta comunale di Anzio ha infatti approvato all’unanimità dei presenti la delibera di indirizzo programmatico, con le linee guida e lo schema di contratto, per conferire i rifiuti biodegradabili e quelli derivanti da potature e sfalci presso l’impianto della società Anziobiowaste in via della Spadellata. Niente ricorso all’Onu. “Rispetto al principio di maggiore economicità – si legge in una nota stampa che fa riferimento ala delibera che al momento non è ancora stata pubblicata all’Albo Pretorio – il prezzo praticato da detto operatore economico ammonta ad euro 100,00, oltre Iva 10% a tonnellata per i rifiuti biodegradabili derivanti da cucine e mense, ad euro 10,00 oltre Iva 10% a tonnellata per i rifiuti biodegradabili triturati derivanti da sfalci e potature e ad euro 25,00 oltre Iva a tonnellata per quelli non triturati, con un considerevole risparmio annuo pari a circa 127.000 euro per i rifiuti biodegradabili derivanti da cucine e mense e di circa 66.000/132.000 euro per i rifiuti biodegradabili derivanti da potature e sfalci”.
Conti alla mano, il comune di Anzio punta a risparmiare circa 300 mila euro l’anno. Va ricordato che la questione biogas era tra i cinque punti di confronto nel famoso documento firmato da otto consiglieri comunali di maggioranza con il benestare dell’assessore Valentina Salsedo e dell’ex assessore Laura Nolfi.