Home Cronaca Coronavirus, trasferite le due donne risultate positive. Sotto sorveglianza il reparto di...

Coronavirus, trasferite le due donne risultate positive. Sotto sorveglianza il reparto di Ortopedia del ‘Riuniti’

446
0

Sono state trasferite entrambe nel pomeriggio di ieri in nosocomi romani le due donne – entrambe settantenni – ricoverate agli ospedali ‘Riuniti’ di Anzio e Nettuno risultate positive al Covid-19. Una, che si trovava al Pronto soccorso dove era giunta per difficoltà respiratorie, è stata portata al Gemelli in condizioni critiche. Il Columbus Gemelli di Roma è divenuto in questi giorni il secondo centro per il Covid-19 della Regione Lazio.

L’altra donna, che invece si trovava ricoverata nel reparto di Ortopedia, è stata trasferita in serata allo Spallanzani. Si dovranno ora ricostruire i link epidemiologici di entrambe le donne e capire se in qualche modo i contagi possano essere collegati; anche se al momento è emerso che la seconda signora si trovava in Ortopedia dalla fine di febbraio per essere sottoposta ad un intervento al polso. In particolare, come ha spiegato il direttore sanitario del Riuniti, Ciriaco Consolante, il sospetto di contagio è emerso a seguito di una febbre e dalla segnalazione dall’ospedale dei Castelli, dove è stata ricoverata una donna risultata positiva al Coronavirus con cui la settantenne è entrata in contatto. Secondo le prime ricostruzioni, risulta che le due hanno fatto un viaggio insieme. A seguito della positività della conoscente dei Castelli, anche la settentenne di Nettuno è stata messa in isolamento e sottoposta al test del Coronavirus. Al quale è risultata positiva. L’intero reparto di Ortopedia – compreso il personale medico ed infermieristico – è stato subito sotto sorveglianza dalla Asl Roma6, come accaduto in altri ospedali di Roma come il Gemelli e Tor Vergata, al momento nessuno ha mostrato sintomi.

Intanto, come conferma la Direzione sanitaria, al Pronto soccorso sono state isolate tre stanze, delle quali due sono provviste di ventilazione polmonare, destinate ad accogliere eventuali pazienti in stato febbrile. Nella giornata di oggi o domani la protezione civile invierà i riscaldamenti ad olio per le tende pre-triage, che al momento ne erano sprovviste, per poter attivare il servizio di pre-controllo nei confronti di coloro che si presentassero con difficoltà respiratorie.

Si rammenta che in caso di sintomi e dubbi non ci si deve recare in Pronto soccorso.

A chi rivolgersi

In caso di sintomi o dubbi, rimani in casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiama al telefono il tuo medico di famiglia, il tuo pediatra o la guardia medica. Oppure chiama il numero verde regionale.

Numeri verdi regionali

Le Regioni hanno attivato numeri dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia.

Consulta la pagina dedicata: Covid-19 numeri verdi regionali

Numero unico di emergenza

Contattare il 112 oppure il 118 soltanto se strettamente necessario.

Numero di pubblica utilità 1500

Attivo anche il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute.

Per saperne di più consulta il sito nuovo coronavirus. 

Qui sotto le info utili per tutte e tutti in ottemperanza del DPCM di ieri 09 Marzo: