Home Cronaca Nettuno, mancata celebrazione al Cimitero americano:  il sindaco prova a precisare, ma non...

Nettuno, mancata celebrazione al Cimitero americano:  il sindaco prova a precisare, ma non convince

2
0
SHARE

Il sindaco di Nettuno Sandro Coppola sulla propria pagina Facebook interviene sulle critiche mosse dai consiglieri di minoranza Antonio Taurelli, Waldemaro Marchiafava, Marco Federici e Roberto Alicandri sulla scelta di commemorare con una rappresentanza ufficiale il Campo della Memoria escludendo incredibilmente il Cimitero monumentale americano. Una precisazione che non chiarisce, ma che aggrava la sconcertante scelta quando nella nota il sindaco, per giustificare la decisione, scrive testualmente: “La maggior parte dei defunti che riposano nei cimiteri di guerra stranieri ospiti sul territorio di Anzio e Nettuno non appartengono alla religione cattolica e non sposano la tradizione di commemorare i defunti e i caduti nella giornata del 2 novembre”. I defunti che non sposano la tradizione di commemorare i defunti… Sconcertante.
Questo l’intervento integrale del sindaco che lascia aperta la ferita della mancanza di considerazione per migliaia sul giovani che hanno dato la vita per liberare l’Italia dal nazifascismo.
“ Sento il dovere – scrive il sindaco – di intervenire sulla polemica sollevata dai consiglieri di opposizione in merito al programma delle celebrazioni del 2 novembre. La commemorazione dei defunti è una ricorrenza religiosa, non certo politica, ed è tipica della tradizione italiana. La maggior parte dei defunti che riposano nei cimiteri di guerra stranieri ospiti sul territorio comunale di Anzio e Nettuno non appartengono alla religione cattolica e non sposano la tradizione di commemorare i defunti e i caduti nella giornata del 2 novembre, al contrario dei defunti del Cimitero di Guerra che si trova in via Rocca Priora che ospita caduti italiani. Nessun defunto, comunque, sarà dimenticato da questa Amministrazione, nemmeno i soldati stranieri caduti sul nostro territorio durante lo Sbarco Alleato. Per motivi organizzativi e logistici nel programma ufficiale, realizzato e concordato con il Comune di Anzio secondo un protocollo di regole comune, che coinvolge tutti gli esponenti di forze dell’ordine e autorità civili, i Cimiteri di Guerra stranieri del territorio (Americano, Britannico, del Commonwealth e anche quello tedesco di Pomezia) saranno omaggiati in forma ristretta dai rappresentanti delle Amministrazioni comunali e militari, come già illustrato nel programma ufficiale reso noto nei giorni scorsi, e tutti i consiglieri comunali che vorranno prendere parte a queste iniziative sono i benvenuti. Tutte le altre considerazioni politiche sollevate dall’opposizione – continua Coppola – , con i cui esponenti condivido amicizie di vecchia data e una conoscenza recente e spero reciproca stima, non credo necessitino di repliche. Questa Amministrazione ha le idee chiarissime sulla storia, sui principi di democrazia e solidarietà e l’unica nostalgia che avvolge in questi giorni tutti noi è quella per i nostri cari che non ci sono più”.