Home In evidenza Anzio, la maggioranza pronta a sfiduciare la presidente della Commissione trasparenza Rita...

Anzio, la maggioranza pronta a sfiduciare la presidente della Commissione trasparenza Rita Pollastrini

0
0
SHARE
commissione Garanzia
Rita Pollastrini

La maggioranza di centrodestra chiede la convocazione della Commissione trasparenza per sfiduciare la presidente Rita Pollastrini del Movimento 5 Stelle. Ad Anzio chi disturba troppo il navigatore muore. Politicamente, si intende. Pollastrini non è “allineata” ai desiderata della maggioranza e deve pagare. E’ il senso nella nota dei capigruppo di maggioranza di Fratelli d’Italia, Lega, Lista De Angelis, Forza Italia, Noi con Anzio e Udc che hanno chiesto la testa di Pollastrini. Alla maggioranza non è andata già la riunione di martedì scorso della Commissione trasparenza nella quale si è discusso della gestione in convenzione della spiaggia libera di Lido dei Pini; un argomento spinoso e oggetto di polemiche nel quale sono emersi numerosi punti oscuri sul futuro di un sito di interesse comunitario sul quale non si può piantare nemmeno uno stecchino.
E davanti alla impossibilità di raggiungere l’obiettivo, che sindaco e maggioranza hanno cercato di far passare in tutta fretta, è partito l’attacco a Pollastrini. “Non è più tollerabile – scrivono infatti i capigruppo di maggioranza – che la commissione trasparenza del Comune di Anzio venga usata, strumentalmente, come una sorta di tribunale politico, anziché come un’Istituzione del Consiglio Comunale al servizio dei cittadini. Dopo quanto accaduto, nell’ultima assise della Commissione Trasparenza, convocata sentendo anticipatamente due soli Consiglieri Comunali, come tra l’altro dichiarato a mezzo stampa, vista la totale assenza di imparzialità da parte del Presidente della Commissione, Rita Pollastrini e l’uso improprio del suo ruolo, i Capigruppo Consiliari di Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Lista Candido De Angelis, Noi con Anzio e UDC, hanno formalmente richiesto la convocazione urgente della Commissione Trasparenza con, all’ordine del giorno, la mozione di sfiducia nei suoi confronti e la contestuale nomina del nuovo Presidente che, come previsto dal regolamento, spetterà comunque all’opposizione”. E in proposito si fa il nome della capogruppo del Pd Anna Marracino, ormai molto vicina alla maggioranza. Che ha i numeri eleggerla.