Home Cronaca Anzio Scuola negata, la bimba si rivolge ad un numero di emergenza

Scuola negata, la bimba si rivolge ad un numero di emergenza

Scuola negata, la bimba si rivolge ad un numero di emergenza

1136
0
SHARE

C’è qualcuno che mi impedisce di andare a scuola”, queste le parole accorate della bimba che ha chiamato il numero di emergenza dell’associazione “Una vita sottile”.

Ad 11 anni una ragazzina si vede negato il diritto di frequentare la prima media, scuola dell’obbligo, di un istituto scolastico anziate, solo per un cavillo burocratico:  il nulla osta che dovrebbe arrivare da una scuola di Marino che ha frequentato fino all’anno scorso. Alla base una situazione familiare burrascosa di due genitori separati che, però, in questo caso, non è determinante visto l’accordo dei due coniugi e la richiesta sottoscritta da entrambi alla scuola dei castelli, di permettere alla loro figlia di frequentare l’istituto di Anzio. Già venerdì scorso scrivevamo di  Sofia (nome di fantasia). La ragazzina ha già perso una settimana di scuola e rimane in attesa di potersi sedere sui banchi insieme ai suoi compagni ma le due dirigenti sono irremovibili: per Anzio il nulla osta è necessario ma da Marino il documento non arriva. “La bimba si è rivolta a noi utilizzando una linea di emergenza – ha dichiarato Claudio Greggio, presidente dell’associazione che si occupa di diritti dei minori “Una vita sottile”, che conosce Sofia e la sua situazione  – è piccola, non riesce a capire perché non può studiare come gli altri ragazzini. Ci chiediamo per quale motivo il nulla osta non è stato ancora inviato ad Anzio;  ho chiesto i motivi ma dall’istituto di Marino non è stata fornita alcuna spiegazione. Non mi resta che segnalare la cosa alla Procura minorile”. Intanto, mentre la lenta burocrazia fa il suo corso i giorni passano e nessuno mette al primo posto il diritto/dovere di studiare di Sofia.