Home Cronaca Nettuno, concorsi annullati: la Uil chiede un incontro con il Commissario straordinario

Nettuno, concorsi annullati: la Uil chiede un incontro con il Commissario straordinario

630
0
SHARE
canile

Il sindacato Uil Territoriale di Nettuno e Anzio ha chiesto un incontro urgente con il commissario straordinario del Comune di Nettuno Bruno Strati dopo l’annullamento in autotutela da parte dell’Area Affari Generali del Comune dei concorsi per quattro posti per assistente sociale e due posti per istruttore amministrativo. Come noto la comunicazione della data e del luogo delle prove di preselezione non era stata pubblicata nella sezione Bandi e concorsi del sito del Comune, ma erroneamente nella sezione Gare e contrattl. Considerato che la comunicazione non è arrivata a tutti candidati il Comune ha deciso di annullare in autotutela entrambi i concorsi nonostante lo svolgimento delle prove preselettive.
A mio modesto avviso – spiega Giammatteo Piersanti responsabile della Uil Territoriale, che di sofferma in particolare sul concorso relativo all’assunzione dei quattro assistenti sociali – si rischia di impantanare in un ginepraio di ricorsi e controricorsi giudiziari un percorso di potenziamento dell’organico di un settore così fondamentale ed importante per la vita di numerosi utenti e di famiglie in stato di disagio, tanto più che il Comune di Nettuno e’ Comune capofila del Piano di zona H6 alla cui responsabilità è affidata, quindi, la realizzazione di numerose iniziative in campo di integrazione socio-sanitaria. Oltre che, ovviamente, mettere in serio rischio le legittime aspirazioni del personale precario che da anni lavora in questo ambito e che da questo percorso può finalmente veder riconosciuta e legittimata, ai sensi di legge, la propria posizione e gli sforzi fatti in almeno dieci anni di precarietà. A tale scopo – aggiunge Piersanti rivolto al Commissario prefettizio – le chiediamo un urgente incontro al fine di conoscere le iniziative che intende adottare per superare tale incresciosa situazione che, non si può negare, ha inferto un duro colpo alla credibilità dell’operato della macchina amministrativa comunale”.