Home Cronaca Armi, munizioni e atti falsi che avrebbero movimentato 5 milioni di euro:...

Armi, munizioni e atti falsi che avrebbero movimentato 5 milioni di euro: perquisizioni della Polizia locale

2113
0
SHARE

Armi, munizioni e atti in corso di formazione che, in caso di utilizzo avrebbero movimentato oltre 5.000.000,00 di Euro in favore delle società finite nel mirino della Procura di Velletri e già attenzionate per emissioni di fatture per operazioni inesistenti. È quanto emerso oggi durante le perquisizioni e i sequestri eseguiti dalla Polizia Locale di Anzio in collaborazione con quella di Ciampino in un’operazione delegata dalla Procura della Repubblica di Velletri.
Gli uomini della Polizia Locale diretti dai rispettivi dirigente Sergio Ierace e da Roberto Antonelli hanno passato al setaccio due abitazioni, un maneggio e alcuni locali commerciali di Roma, trovando diversa documentazione, atti e computer, utilizzati da una coppia romana per la gestione di 17 società, per un giro d’affari di diversi milioni di euro.
Diversi i fatti illeciti riscontrati – spiega Ietace – La documentazione sequestrata dalla Polizia Locale delegata allo svolgimento dell’attività dal Sostituto Procuratore Giuseppe Travaglini, fa riferimento ad un precedente sequestro di false attestazioni di autenticità di firma apposte in calce ad atti notori sostitutivi di atti pubblici, apparentemente riconducibili a funzionari del comune di Anzio e di Roma, eseguite da alcune società al fine di evitare atti esecutivi da parte della BNL di Ciampino”. Le pattuglie della Locale nel corso dell’attività hanno cosi avuto modo di sequestrare atti in corso di formazione che, ove realmente completati ed utilizzati, avrebbero movimentato oltre 5.000.000,00 di Euro in favore delle società finite nel mirino della Procura di Velletri e già attenzionate per emissioni di fatture per operazioni inesistenti ed omesse dichiarazioni. “Tutte attività poste in essere dagli indagati, titolari delle società, anche al fine di evadere tasse ovviamente in danno delle casse dello stato“. I caschi bianchi dei due comuni del Lazio nel corso delle perquisizioni hanno inoltre trovato armi e munizioni, due Smith & Wesson a tamburo ed una Beretta automatica con calibri 357, 9 corto e 38 special, sul cui conto sono in corso ulteriori indagini circa il loro reale utilizzo.