Home Cronaca Concorso servizi sociali, il M5S: “La commissione va rivista con la presenza...

Concorso servizi sociali, il M5S: “La commissione va rivista con la presenza della dirigente Camarda”

1201
0
SHARE

Sulla vicenda della composizione della Commissione per il concorso dei servizi sociali al comune di Nettuno interviene il Movimento 5 Stelle sulla pagina Facebook Cittadini 5 Stelle Nettuno. E lo fa con l’ex consigliere comunale Diego Tortis. “Apprendo che i sindacati e l’ordine nazionale hanno chiesto la revoca della commissione giudicatrice per quattto posti di assistente sociale e la nomina di una nuova commissione, contestando le competenze dei componenti nominati – scrive Tortis – Capisco le riserve dei sindacati e ricordo che fu proprio l’ex Sindaco Casto, in tempi non sospetti, quando era in carica a chiedere espressamente che della Commissione facesse parte anche un magistrato del tribunale dei minori esperto del tema, in grado garantite il miglior svolgimento del concorso in un settore molto delicato come quello dei servizi sociali che, grazie anche al grande lavoro del lavoro della dirigente Margherita Camarda – adesso in ferie – è stato rilanciato. Vediamo che è stata seguita un’altra strada. Che non è quella che la nostra ex amministrazione aveva tracciato.
Restiamo comunque sconcertati – aggiunge Tortis – del fatto che in tutta fretta, a ridosso delle ferie estive, sia stata nominata la Commissione mentre si poteva tranquillante aspettare il rientro dalle ferie della dirigente dei Servizi sociali Margherita Camarda che avrebbe potuto presiedere la Commissione giudicatrice con tutta la competenza in un settore delicato come quello dei servizi sociali che la stessa dirigente ha rilanciato a Nettuno”.
Intanto il Sindacato Unitario Nazionale Assistenti sociali (Sunas) ha addirittura chiesto al commissario straordinario del comune di Nettuno l’annullamento della determina che indicava i componenti della Commissione e la composizione di una nuova Commissione che abbia i requisiti per giudicare i candidati al bando nell’ambito di un settore delicato come quello dei servizi sociali.