SHARE

I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Anzio Rita Pollastrini, Alessio Guain e Mariateresa Russo tornano con forza a chiedere al sindaco di Anzio Candido De Angelis la costituzione parte civile nel processo 27 proroghe. L’intervento del gruppo pentastellato segue la decisione del sindaco di mettere in mora almeno tre degli otto rinviati a giudizio, ossia l’attuale assessore Valentina Salsedo, l’ex assessore Patrizio Placidi e l’ex dirigente comunale Walter Dell’Accio tutti rinviati a giudizio.
L’azione preannunciata di costituzione in mora – spiegano in una nota i tre consiglieri del Movimento 5 Stelle – è un Atto Dovuto ex art. 1 c.3 l.n.20 del 1994. Il Sindaco non può far sembrare un Atto Dovuto a tutela della sua eventuale responsabilità erariale, derivante da omessa denuncia (e quindi ipotetica prescrizione) un’azione a difesa dell’immagine della città di Anzio.
Per questo motivo – aggiungono – il Movimento 5 Stelle di Anzio chiederà con forza nelle sedi competenti la costituzione di parte civile nel procedimento penale. Atto di grande significato da cui, per rispetto dei cittadini, non ci si può esimere”.