SHARE
Paolo D'Este

Festeggerà i suoi 60 anni con gli ex compagni di squadra, l’Anzio degli anni ottanta. E’ la piacevole iniziativa di Paolo D’Este che oltre ad aver giocato con il club biancazzurro è stato anche allenatore riportando la squadra in serie D nel campionato 2009/2010. Nel giorno del suo “speciale” compleanno, il 22 luglio, li ha “convocati” presso il centro sportivo “Parco dei Principi” per disputare una partita di calcio a 5. I nomi? Eccoli: Graziano Abbate, Fabio Rinaldi, Luigi Coni, Angelo Cotogno, Alessandro Battistini, Giuliano Cirilli, Giovanni Guagnini, Paolo Santoro, Luigi Visalli, Piero Natalini, Massimo Battiata, Vito Santostasi, Claudio D’Angiolella, Oberdan Bellucci, Giampiero Castaldi, Renato Romano, Diego Marigliani, Roberto Cutitta. Oltre a loro sono stati invitati anche l’allenatore Neno Cesarini, il preparatore atletico Carlo Samà e i presidenti Pietro Salvini e Franco Rizzaro. Dunque un tuffo nel passato all’insegna dei colori biancazzurri per ricordare e festeggiare in modo “singolare” i 60 anni dell’ex bomber. In un momento importante come questo, ossia il raggiungimento dei 60 anni – dice Paolo D’Este – viene spontaneo guardarsi indietro e ricordare le persone più care che ti hanno accompagnato lungo il percorso. La famiglia, gli amici. L’ultima volta dieci anni fa, in occasione dei miei 50 anni ebbi modo di organizzare la stessa partita, con gli stessi amici, gli amici del cuore. Uno di loro mi disse che solo io avrei potuto fare una cosa del genere e di ritrovarci tutti insieme. Quel giorno promisi dopo la partita, al ristorante, che ci sarebbe stata un seconda volta. In occasione dei miei “primi 60 anni”. Dispiace in questi anni, aver perso figure importanti come Domenico Bartolo e dispiace che alcuni di quelli presenti non saranno in grado di scendere in campo. Sarà comunque una bella festa, come poche, e l’ennesima dimostrazione che il tempo deteriora il corpo mai la nostra amicizia”.