SHARE
Il portiere Andrea Giordani in azione

Il tabellone dei vincenti termina ai quarti di finale per la compagine del Noname Nettuno, sconfitto dai padroni di casa del Viareggio con il punteggio di 7 a 0. Dopo aver eliminato la Lazio, fino a ieri imbattuta nell’attuale stagione, capitan Cirilli e compagni hanno provato a ostacolare anche i campioni toscani. Nei primi 12’ di gioco la gara è stata in perfetto equilibrio, con Andrea Giordani che ha respinto anche un calcio di rigore, il secondo consecutivo dopo quello con la Lazio nel terzo tempo, al fenomeno Gori, il giocatore più forte della serie A. Prima della fine del primo tempo il Viareggio riesce ugualmente a sbloccare il risultato grazie alla rete di Andersen. Nei minuti finali della seconda frazione i toscani spaccano la partita segnando tre reti, doppietta di Spaccarotella e rigore realizzato da Remedi. Negli ultimi 12’ le reti di Pacini, Capo e Gori fissano il punteggio sul 7 a 0. “Purtroppo il sogno di entrare nelle prime quattro è finito oggi contro una delle squadre più forti d’Italia”. Queste le parole del portiere Andrea Giordani, che poi prosegue analizzando il match con il Viareggio. “Abbiamo giocato un primo tempo incredibile, quasi alla pari, un po’ difensivo, chiuso sotto 1 a 0. Stiamo avendo sempre più consapevolezza nei nostri mezzi in questo sport, che è completamente diverso da quello che facciamo durante l’anno. Si vedono già i miglioramenti rispetto alla prima stagione, che per noi è stata quella scorsa”. La Coppa Italia per il Noname Nettuno non finisce qui, le prossime due partite decreteranno la posizione finale, con i nettunesi in lotta per i posti dal quinto all’ottavo. “Giocare per il quinto posto – commenta Andrea Giordani – è un traguardo storico per noi, era un obiettivo impensabile all’inizio della manifestazione. Siamo soddisfatti di quanto fatto finora, stiamo davanti a squadre importanti come Sambenedettese, Lazio e Pisa”.