Home Cronaca Contenzioso piazzale Berlinguer: il Consiglio di Stato dà ragione al comune...

Contenzioso piazzale Berlinguer: il Consiglio di Stato dà ragione al comune di Nettuno

1051
0
SHARE
canile

La sentenza del Consiglio di Stato a favore del comune di Nettuno nella causa intentata dalla società Parkoi mette definitivamente la parola fine al rapporto tra l’impresa romana che avrebbe dovuto realizzare il parcheggio interrato di piazzale Berlinguer con il project financing. I giudici hanno infatti respinto il ricorso della Parkroi contro l’amministrazione comunale 5 Stelle che aveva rescisso il contratto per irregolarità nel certificato di asseverazione. Alla rescissione si era arrivati dopo che l’ex sindaco Angelo Casto aveva accertato che il certificato di asseverazione presentato da Parkroi era falso; si trattava di un certificato importante, rilasciato da un istituto di credito, in questo caso Unicredit, che avrebbe dovuto accertare la solidità economica dell’impresa, condizione essenziale per partecipare al bando per l’assegnazione del project financing per i lavori del parcheggio di piazzale Berlinguer.
La Parkroi aveva presentato un certificato di asseverazione su carta intestata di Unicredit, ma nella banca dati dell’istituto di credito di questo atto non è stata trovata traccia, tanto è vero che la Procura della Repubblica di Velletri ha aperto un fascicolo. Falso il certificato di asseverazione, il castello di carte è crollato. Nonostante l’evidenza la Parkroi aveva presentato prima ricorso al Tar del Lazio che è stato respinto e poi si è appellata al Consiglio di Stato con lo stesso esito. Dopo otto anni si interrompe definitivamente il rapporto tra Comune di Nettuno e Parkroi. E finisce su un binario morto anche la causa civile con la quale la società aveva chiesto un risarcimento danni di sei milioni di euro al comune di Nettuno che, secondo i legali della Parkroi, non gli avrebbe consentito di realizzare l’opera.