Home In evidenza Anzio, preferenze congelate in attesa del magistrato. Contestazioni alla sezione 10

Anzio, preferenze congelate in attesa del magistrato. Contestazioni alla sezione 10

9061
0
SHARE

Nonostante la vittoria al primo turno alle amministrative di domenica scorsa e in attesa della proclamazione ufficiale degli eletti da parte del Presidente del tribunale di Velletri, c’è caos tra le forze politiche di Anzio a causa di presunte incongruenze tra le preferenze riportate sul sito istituzionale e quelle invece trascritte nei verbali della sezione 10. Ad Anzio Colonia dove alcuni candidati si sono accorti di aver ottenuto zero preferenze nonostante fossero sicuri di aver preso voti anche lì. In effetti dando uno sguardo alle preferenze riportate per ciascun partito alla sezione 10, si vede chiaramente che la riga è quasi sempre 0. Un mistero che nella giornata di oggi è stato chiarito dall’ufficio elettorale – che ha lavorato ininterrottamente – al quale diversi candidati si sono rivolti per avere chiarimenti: dopo la comunicazione delle preferenze da parte del seggio, il sistema telematico del Comune non ha riconosciuto alcuni numeri che, spiegano, risultano però correttamente trascritti sul verbale di sezione. Incogruenze e discrasie che dovranno essere verificate. Bisognerà quindi attendere l’arrivo del magistrato per sapere chi risulta eletto, poiché la discordanza tra i numeri inseriti sul sito e quelli sui verbali potrebbe portare all’esclusione di candidati a favore di altri che a questo punto restano con il fiato sospeso finché il magistrato non firmerà la proclamazione degli eletti. Solo dopo questo provvedimento e in caso di ulteriori contestazioni sarà possibile inoltrare ricorso al Tar del Lazio.

Tra coloro che si sono accorti della presunta mancanza di voti c’è un candidato in lista con la Lega i cui familiari votano proprio alla 10; quando è  andato a rivedere le preferenze si è reso conto che i numeri non coincidevano nemmeno con quelli registrati dai rappresentanti di lista. Recatosi quindi a vedere i verbali all’Ufficio elettorale si è accorto che in quella stessa sezione aveva almeno 15 voti in più. Voti che cambiano la sua posizione, dal momento che la Lega potrebbe avere cinque consiglieri comunali. Diversa invece la situazione di un altro candidato che potrebbe risultare eletto al posto di un altro dal momento che tra il sito istituzionale e i verbali cartacei ci sono 12 voti di differenza.  Insomma al momento i dati sulle preferenze restano ufficiosi e la composizione del consiglio comunale appare tutt’altro che definitiva. Contestazioni stanno arrivando anche da altre sezioni: stamattina sul sito anche sulla sezione 6 le preferenze del Pd erano a zero.