Home Cronaca Nettuno, di nuovo occupata la spiaggia libera a fianco alla murata ovest...

Nettuno, di nuovo occupata la spiaggia libera a fianco alla murata ovest del porto

4198
0
SHARE
porto turistico

Anni di contenzioso con la direzione del porto Marina di Nettuno per abbattere il manufatto realizzato irregolarmente sotto il profilo urbanistico sul tratto di spiaggia all’esterno della murata ovest del porto stesso; quindi, nei mesi scorsi, l’abbattimento della struttura deciso dall’amministrazione Casto. Che aveva dunque restituito un lembo di spiaggia libera al centro di Nettuno ai cittadini. Dopo l’abbattimento la “Marina di Nettuno” era comunque tornata a chiedere al Comune la concessione demaniale e l’autorizzazione a realizzare un chiosco e servizi igienici sulla stessa area sulla quale sorgeva il manufatto abbattuto. Una richiesta rimasta senza risposta. Andati via sindaco e amministrazione comunale, in dieci giorni è tornato tutto come prima. La Marina ha infatti presentato nuova richiesta alla Regione Lazio, la Regione ha dato il nulla osta e a seguire hanno dato parere favorevole anche l’Area urbanistica e Demanio del comune di Nettuno. Gli stessi uffici ai quali l’amministrazione comunale aveva detto chiaramente che quel lembo di spiaggia, occupato per anni irregolarmente, sarebbe dovuto rimanere libero. A disposizione dei cittadini.
La morale è che i lavori del nuovo chiosco e dei servizi sono ripresi nei giorni scorsi e proseguono spediti. “In riferimento alla nota di cui in oggetto – si legge nel nulla osta firmato dal dirigente regionale Roberto Fiorelli – si esprime il proprio nulla osta di competenza sotto gli aspetti demaniali, ferme restando tutte le raccomandazioni, pareri, licenze o altri atti autorizzativi eventualmente previsti dalla normativa vigente, da acquisirsi a cura dell’interessato”. E’ curioso che nell’oggetto della richiesta alla Regione da parte della Marina si faccia riferimento “…alla installazione di un punto di ristoro e servizi igienici all’interno del porto turistico”. Già, all’interno. E invece il chiosco che si sta realizzando sul tratto di arenile libero è chiaramente fuori dalle mura del porto. A quanto sembra la Marina sarebbe pronta a cedere in sub concessione l’area “rioccupata” ad un privato.