Home Disabililife Sono nato senza un braccio? Me ne costruisco uno con i Lego.

Sono nato senza un braccio? Me ne costruisco uno con i Lego.

È quello che ha fatto un giovane di Andorra che ha unito la sua straordinaria creatività e la versatilità dei mattoncini più famosi del mondo.

2138
0
SHARE

Con i mattoncini Lego, generazioni di bambini hanno realizzato, e lo fanno ancora oggi, un po’ di tutto: case, stazioni, vere e proprie città.

Ma una “cosa” veramente importante l’ha costruitaDavid Aguilar: “Quando ero bambino, con i Lego creavo macchine, aeroplani e moto. Oggi, ho realizzato un braccio: il mio!”, racconta nel video A limb from Lego, pubblicato dalla società di comunicazione Great Big Story.

David, che ha 18 anni ed è di Andorra, è nato con il braccio destro non completamente sviluppato: “Sentire commenti del tipo “Oh, tu non hai una mano!” è sempre stato abbastanza fastidioso”. Così, con gli stessi mattoncini con cui aveva trascorso ore e ore della sua infanzia, decise di correre ai ripari e costruire quell’arto che tanto lo faceva disperare: “Ho realizzato la prima protesi, intorno alla mia piccola mano,quando avevo 9 anni – racconta –”. Ma non era molto resistente e durò poco. Andò meglio con i Lego Technic, una versione più sofisticata dei tradizionali mattoncini con cui costruì, in soli 5 giorni, un braccio più resistente, ilMK1.

Quell’arto, però, non era sufficientemente funzionale e David, come ogni buon inventore che si rispetti, si mise subito al lavoro per sviluppare un modello più evoluto: “Questo è MK2 – spiega nel video, mostrandolo – “Quando l’ho costruito, tutti erano molto stupiti, non pensavano che si potesse creare un braccio funzionante con i Lego. Invece, si può ed è fantastico!”, assicura David, stringendo due amici in un abbraccio vero, anche se fatto (per metà) di Lego.