SHARE
taurelli nettuno iii

Una grande pagina di storia e cultura. Questa potrebbe essere la sintesi del giornata dedicata al premio Taurelli che si è svolto questa mattina presso l’istituto comprensivo Nettuno III alle 10,30.

L’evento è giunto all’undicesima edizione, un traguardo sicuramente importante per il fondatore di questa straordinaria iniziativa Antonio Taurelli, che da anni premia i lavori di numerosi ragazzi che hanno come tema di fondo il ricordo di quanti persero la vita durante la seconda guerra mondiale. Oltre agli studenti e ai docenti dell’istituto scolastico, in questa manifestazione erano presenti anche i rappresentanti del cimitero americano e diverse autorità civili e militari locali. Questa edizione sicuramente è stata una delle più belle, non solo per la perfetta organizzazione dell’evento, ma anche per la presenza di Rick Heiken, figlio di uno dei soldati che parteciparono alla sbarco alleato. Proprio nella giornata di oggi l’uomo è partito dal suo stato dell’Arizona per far visita al cimitero americano dove risposano i corpi di quei soldati che furono gli artefici della liberazione dell’Italia dal nazifascismo. Rick è stato sicuramente l’ospite d’eccezione di questa edizione del Premio Taurelli e ha potuto ammirare gli elaborati dei dieci ragazzi che sono stati premiati quest’anno da nonno Taurelli. Rick ha raccontato ai presenti che suo padre, da quando è sbarcato ad Anzio insieme ai suoi compagni, ha combattuto senza sosta contro i tedeschi. La sua intenzione era quella di venire al cimitero americano di Nettuno per deporre una bandiera americana sulle tombe dei veterani della guerra.

“Rick ha pensato di lasciarla da noi al cimitero – ha detto il vice direttore del cimitero americano di Nettuno – ma in seguito ha deciso che fosse una cosa più profonda dedicare la bandiera a questa scuola”. Sicuramente un gesto generosa quello compiuto da Rick che ha reso la giornata dedicata al premio Taurelli ancora più importante e indimenticabile, rendendo così viva la memoria di quanti furono gli artefici di quegli ideali che stanno alla base della nostra attuale democrazia.