Home Cronaca Race for the cure, anche l’Andos di Anzio e Nettuno tra i...

Race for the cure, anche l’Andos di Anzio e Nettuno tra i 72mila al Circo Massimo contro il cancro al seno

2039
0
SHARE
Andos

C’erano anche le donne dell’Andos di Anzio e Nettuno tra le 72mila persone che ieri hanno partecipato alla corsa Race for the cure, la manifestazione giunta alla XIX edizione per la lotta al tumore al seno che è partita ieri mattina dal Circo Massimo e che si è snodata per 5 chilometri. Un successo, quello della Race for the cure, che cresce ogni anno, tanto che negli ultimi quattro anni le iscritte alla gara romana hanno superato quelle di tutte gli eventi in Usa, dove Race for the cure è nata. Tra loro, a mettere l’accento sull’importanza della prevenzione, anche le donne dell’Andos locale che, in maglia rosa, hanno ribadito l’importanza di regalarsi una mammografia una volta l’anno.

A dare il via ufficiale all’appuntamento sportivo, il professor Riccardo Masetti, residente della Susan G. Italia e direttore del Centro Integrato di Senologia del Gemelli, il sindaco di Roma Virginia Raggi, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, il presidente del CONI Giovanni Malagò, Aurelio de Laurentiis, presidente del Napoli e titolare di Filmauro, Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi, testimonial di Susan G. Komen Italia, il professor Rocco Bellantone direttore Governo Clinico della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e il professore Giovanni Scambia, Direttore del Polo della Salute della Donna della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e altre personalità del mondo del giornalismo, della televisione, dello sport e della cultura.

E’ importante la consapevolezza della prevenzione – ha affermato il presidente Zingaretti – in questi anni nella Regione Lazio gli screening oncologici sono aumentati considerevolmente, sia quelli del seno sia quelli del colon retto”.

La manifestazione continua ad avere successo e non mostra segni di stanchezza – commenta Riccardo Masetti – prima di tutto perché la lotta contro i tumori del seno è un tema che entra in tutte le case. Abbiamo avuto tante istituzioni al nostro fianco: il Presidente del Senato e il Ministro della Salute hanno inaugurato l’apertura del villaggio della Race al Circo Massimo. Il Presidente della Camera Roberto Fico ha manifestato la sua vicinanza. Per un progetto di volontariato sentire la vicinanza delle autorità è un segnale incoraggiante. Il successo della manifestazione è dovuto anche alla grinta e alla passione di moltissime persone, ad iniziare dalle madrine Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi. La Race for the Cure è sostenuta dall’Arma dei Carabinieri, dall’Esercito Italiano e, da quest’anno, anche dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco“.
La maratona si è conclusa con un momento significativo: 5500 donne in rosa hanno lasciato volare nel cielo di Roma i palloncini rosa, sostegno simbolico per tutte le donne che lottano contro i tumori del seno e per ricordare quelle che purtroppo non sono riuscite a sconfiggerlo.