Home In evidenza Nettuno, la ‘Emanuela Loi’ è Scuola eTwinning 2018-19

Nettuno, la ‘Emanuela Loi’ è Scuola eTwinning 2018-19

734
0
SHARE

L’ITSEET, CAT (e dal prossimo anno anche Grafica e Comunicazione) “Emanuela Loi” di Nettuno è Scuola eTwinning2018-19. L’importante riconoscimento, insieme a “eTwinning School Label” – che valorizza l’impegno dell’Istituto nella formazione sulle lingue straniere – è stato attribuito dall’Unità Nazionale Indire a tutti i docenti dell’Istituto che si sono iscritti alla Community eTwinning.

Il riconoscimento è stato istituito nel 2017 – spiega la coordinatrice di Progetto, la professoressa Silvana Albanie averlo ottenuto indica che l’attività svolta nel nostro Istituto costituisce un esempio da seguire per tutte le scuole sulla piattaforma europea. La candidatura è stata inoltrata dalla Dirigente Scolastica e da me, dopo che ad ottobre 2017 la classe 3 Turistico, in cui insegno, aveva ottenuto il Quality Label per il progetto “Beautiful destinations” svolto nell’a.s. 2016-17”. La scuola ha ricevuto dei gadget da eTwinnigni e riceverà a breve uno “special pack” con altro materiale per uso didattico.

Etwinning è una piattaforma di docenti e scuole europee che collaborano nella stesura di progetti online nel rispetto dell’eSafety e il riconoscimento è stato introdotto per valorizzare l’impegno dei docenti, dei team di docenti e dei Dirigenti Scolastici nell’innovazione didattica. “La qualifica di Scuola eTwinning 2018/19 – dice la Dirigente Scolastica, Antonella Moscaè andata quest’anno a 1.211 scuole europee, ma anche della Tunisia, della Turchia, di Guadalupe e altre nazioni, tutte impegnate in scambi culturali e nello sviluppo delle competenze nelle lingue straniere dei giovani. Fra gli Istituti premiati da Bruxelles il nostro rientra nelle 224 scuole italiane, che quest’anno costituiscono il numero più alto di scuole premiate dall’Unione in una singola nazione”.

Partecipando a tali progetti – aggiunge la DS – gli studenti hanno l’opportunità di potenziare le proprie competenze linguistiche comunicando con partner europei su tematiche di vario genere, come il patrimonio culturale e storico, usanze e tradizioni dei propri Paesi ed altri argomenti culturali. Ringrazio i docenti di lingue che si sono iscritti alla piattaforma eTwinning e che hanno lavorato in modo eccellente con le proprie classi“.

Teachers need other teachers – sostiene la professoressa Albani – ovvero il docente non deve lavorare da solo. Dal confronto e dalla collaborazione nascono nuove ed interessanti idee ed a volte anche amicizie con i partner europei. Noi, tra l’altro, abbiamo puntato a far conoscere all’estero la storia e le bellezze di Nettuno, delle città vicine, come Latina e Roma, e della regione Lazio”.