Home Cronaca Anzio, pugno di ferro contro chi differenzia male. Al via la bonifica...

Anzio, pugno di ferro contro chi differenzia male. Al via la bonifica delle discariche abusive

1602
0
SHARE

Come annunciato sull’edizione cartacea che trovate in edicola, dopo mesi e mesi di proteste e alla luce delle considerazioni emerse durante l’ultimo consiglio comunale, è partito il pugno di ferro dell’Amministrazione comunale di Anzio contro chi continua a differenziare male e chi, in barba al senso civico e al rispetto per l’ambiente, abbandona i sacchi sulle strade del territorio.

Due le strade percorse in questi giorni nella direzione del miglioramento del servizio di igiene urbana: il controllo, appunto, dello smaltimento dell’umido e la bonifica delle numerose discariche a cielo aperto che oltre a deturpare i paesaggi rappresentano un rischio per la salute dei cittadini. In questo senso, contestualmente alla decisione di far partire gli avvisi agli utenti sorpresi a non svolgere bene la differenziata, la dirigente del settore Ambiente Angela Santaniello ha stretto i tempi sulle criticità a lungo denunciate; una delle quali è rappresentata da via della Lottizzazione, a Falasche, dove da mesi il comitato spontaneo Ve.lo.ci.po.li. continua a segnalare l’irrisolta condizione di degrado, di emergenza ambientale e sanitaria della zona. In un video, girato da You reporter (che potete vedere qui) – l’ennesimo girato in via della Lottizzazione – si vede bene che tra i cumuli di rifiuti accatastati tra cui buste contenenti ogni genere di scarto e materassi, ci sono anche pneumatici e altri rifiuti inquinanti. “Con riguardo a via della Lottizzazione – spiega la Santaniello – è stato già disposto apposito ordine di servizio per gli interventi di bonifica, attraverso la predisposizione di un cronoprogramma di interventi che prevede il ripristino delle condizioni di igiene di diversi siti del territorio. Sarà posta cura assoluta alla risoluzione di tali evidenti criticità, anche con azioni di sensibilizzazione alla cittadinanza, al fine di scongiurare il ripetersi di tali eventi“. Proprio per bonificare le discariche abusive disseminate sul territorio anziate, la dirigente dell’Area ambiente ha coinvolto la ditta che gestisce il porta a porta (Camassambiente) chiedendo un costante intervento di pulizia. “Alla ditta – spiega – abbiamo chiesto di rispettare il capitolato d’appalto che prevede il mantenimento della pulizia delle cunette stradali. Per questo, l’abbiamo sollecitata ad intervenire con regolarità, tenendo conto anche della delle segnalazioni dei cittadini. La situazione e in questi ultimi giorni è sensibilmente migliorata, ma esistono ancora delle criticità in alcune zone che stiamo affrontando”.