Home Cronaca Anzio, sequestrato e picchiato perché non aveva pagato la droga. Polizia arresta...

Anzio, sequestrato e picchiato perché non aveva pagato la droga. Polizia arresta i 4 aguzzini

2898
0
SHARE

Nel gennaio dello scorso anno era stato tenuto sotto sequestro per 24 ore e malmenato fino quasi allo sfinimento per non aver pagato il suo debito relativo all’acquisto di droga; oggi i suoi torturatori sono stati identificati e arrestati. Quattro le ordinanze di custodia cautelare emesse dal tribunale di Velletri dopo le indagini, serratissime, condotte dal Commissariato di Polizia di Anzio che è riuscito ad individuare gli autori di quel pestaggio. Si tratta di 4 uomini, tutti trentenni e tutti residenti tra Lavinio e Anzio, che l’anno scorso avevano prelevato un giovane assuntore di cocaina del territorio, lo avevano condotto in un’abitazione e lo avevano malmenato con scopi di estorsione. Rilasciato il giorno dopo, il giovane si era recato in pronto soccorso per farsi medicare ed aveva riferito di essersi ferito dopo un incidente stradale. Il referto dei sanitari – la frattura di una mano ed altre lesioni fisiche non erano compatibili con quanto riferito – non aveva però convinto la Polizia che ha quindi iniziato a indagare. Mesi di monitoraggi che hanno consentito di giungere al quadro che si è poi rivelato e che è stato confermato dalla vittima del sequestro; il giovane, dopo le prime reticenze, ha deciso di denunciare quanto accaduto l’anno scorso.

Dopo un’intesa attività investigativa che ha portato all’identificazione dei presunti responsabili del fatto, i poliziotti hanno proceduto alle perquisizioni domiciliari degli indagati, sequestrando quasi 750 grammi di cocaina, 50 di hashish, un bilancino di precisione ed una ‘scacciacani’ oltre che e 9.000 euro in contanti, provento dell’attività illecita svolta nell’ultimo periodo. Su ordine della procura di Velletri, le manette sono scattate oggi per 3 di loro, già noti alle forze dell’ordine con reati specifici per spaccio di droga, rapine e furti; mentre il quarto – incensurato – è stato ristretto ai domiciliari. Le accuse sono di sequestro di persona, lesioni aggravate, estorsione, rapina e spaccio di droga.