Home In evidenza Anzio, si è dimesso l’assessore Alberto Alessandroni

Anzio, si è dimesso l’assessore Alberto Alessandroni

3502
0
SHARE

Motivi personali. È questa ufficialmente la ragione per la quale Alberto Alessandroni assessore ai Lavori Pubblici di Anzio si è dimesso stamattina. Una decisione che arriva in un momento delicatissimo per l’amministrazione anziate sia dal punto di vista giudiziario (gli arresti per storie di tangenti e turbativa d’asta che hanno riguardato il settore Ambiente) sia dal punto di vista politico. Non appare un caso il fatto che solo mezz’ora prima delle dimissioni di Alessandroni che ha ringraziato  “il Sindaco, Luciano Bruschini per la fiducia accordata in questi anni ed i dipendenti del Comune che, con impegno e spirito di servizio, hanno collaborato durante l’espletamento del mio incarico assessorile”,  il gruppo consiliare Noi con Salvini composto da Velia Fontana Davide Gatti (entrambi da sempre  sostengono Alessandroni) ed Eugenio Ruggero abbia diramato una nota con la quale di fatto annuncia di voler uscire dalla maggioranza che appoggia Bruschini..

Costatate le differenti vedute sulle scelte amministrative intraprese dal governo del Comune di Anzio, in assenza di risposte per arrivare ad un cambio di rotta necessario per rigenerare le politiche del centrodestra locale, come più volte da noi auspicato, per dare risposte ai problemi dei nostri concittadini, Il gruppo consiliare di Noi con Salvini Anzio annuncia di non sostenere più l’azione di questa amministrazione. Continueremo la nostra azione politica a tutela del bene comune auspicando che si apra un fruttuoso dialogo con i partiti del centrodestra per arrivare a soluzioni condivise per il futuro della nostra città“. Una nota che va totalmente in contrasto con l’accordo sottoscritto settimane fa con il resto della maggioranza rispetto alla candidatura di Candido De Angelis. Un accordo che a quanto pare non sembra più cosa fatta. Così come non appare scontato che l’ex senatore possa decidere di guidare una coalizione frantumata e litigiosa. Resta da capire quale sarà la posizione delle altre forze di maggioranza e di Forza Italia. Intanto al consiglio comunale di mercoledì potrebbe non esserci alcuna maggioranza.