Home In evidenza Bufera giudiziaria ad Anzio, la senatrice 5 Stelle Elena Fattori: “Vicenda gravissima,...

Bufera giudiziaria ad Anzio, la senatrice 5 Stelle Elena Fattori: “Vicenda gravissima, torno dal Prefetto”

1968
0
SHARE

Chiederà un nuovo incontro al Prefetto di Roma, la senatrice a 5 Stelle Elena Fattori che l’anno scorso firmò una interrogazione parlamentare proprio su Anzio.

L’arresto dell’ex assessore all’ambiente di Anzio è una notizia di una gravità assoluta per un territorio martoriato da problemi di legalità dei quali insieme ai comitati e al Meetup “Grilli di Anzio” ci stiamo occupando da anni in prima linea – scrive la senatrice in una nota stampa – Le indagini della Guardia di Finanza e le ordinanze di custodia a esponenti della classe politica anziate e di alcuni soggetti della struttura comunale è segno di come la direzione intrapresa sia quella giusta.

Inevitabile il riferimento della Fattori ai forti dissidi che la senatrice ebbe l’anno scorso con il sindaco Luciano Bruschini.

“A seguito di un’interrogazione depositata a ottobre 2016 sottolineando problemi di legalità nel comune di Anzio, venni minacciata di querela dal Sindaco perché, a suo dire, andavo a ledere l’onorabilità della sua amministrazione dove il Placidi era pedina fondamentale. Lo stesso Placidi mi cacciò con tanto di improperi e bestemmie da una commissione straordinaria alla quale fui invitata e dove si parlava di ciclo dei rifiuti e biogas, temi su cui avevo presentato altra interrogazione parlamentare – commenta la senatrice a 5 Stelle – Mi chiedo ora se gli stessi soggetti siano disposti a porgere le loro scuse a me e ai cittadini e abbiano quantomeno la decenza di dimettersi e non ripresentarsi mai più. Le indagini sono ancora in corso e temo che l’effetto domino rischia di essere inevitabile. Non ci hanno fermato minacce e intimidazioni e chiederò un nuovo incontro al Prefetto per un suo intervento, oltre a proseguire il lavoro sul territorio con un fantastico gruppo di attivisti e cittadini avulsi dalla politica che hanno acuore il proprio territorio. Fondamentale è stato anche il lavoro in commissione antimafia di Luigi Gaetti (M5S)”