Home Cronaca Sit in sulla Nettunense: proteste contro la chiusura del passaggio a livello...

Sit in sulla Nettunense: proteste contro la chiusura del passaggio a livello di Casello 45 e il blocco della viabilità

1709
0
SHARE
Casello 45

Non si sono spente, anzi se possibile sono scoppiate più infuocate di prima le proteste dei residenti di Sandalo e Casello 45 per la chiusura – da questa mattina – al traffico della strada provinciale via di Cavallo Morto dall’incrocio con la Nettununese all’intersezione con via Vesuvio. Tanto che poco fa in tanti si sono radunati davanti al passaggio a livello di Casello – che a breve verrà definitivamente chiuso – creando notevoli disagi alla circolazione, già rallentata. Sul posto, per cercare di sedare gli animi e garantire la sicurezza di manifestanti e automobilisti, ci sono la Polizia locale e una volante del Commissariato di Polizia di Anzio.

Al centro delle proteste, ci sono sia la chiusura del passaggio a livello della Nettuno-Roma sia l’ordinanza firmata mercoledì scorso da Città metropolitana con la quale si avvisa la cittadinanza che da oggi, appunto, sarebbe stato chiuso il transito a tutte le categorie di utenti della S.P. 108/b Cavallo Morto (Casello 45) dal Km 0+000 (incrocio SR Nettunense) al km 0+020 (incrocio via Vesuvio escluso) con deviazione del traffico veicolare per entrambe le direzioni sulle SS.PP. Sacida Cavallo Morto (via Amilcare Cipriani) e su via delle Cinque Miglia. I manifestanti chiedono l’intervento del Prefetto contro l’ordinanza di Città metropolitana.

A seguito delle rimostranze, nei giorni scorsi il sindaco di Nettuno Angelo Casto e l’assessore all’Urbanistica Stefano Pompozzi si erano recati a Casello 45 ed avevano incontrato il Comitato dei cittadini di Sandalo fermamente contrario alla chiusura, anche al fine di supervisionare le via che saranno maggiormente interessate dall’aumento del traffico veicolare. La chiusura – lo ricordiamo – è propedeutica ai lavori di scavo del sottopasso sulla Nettunense. Una chiusura prevista da anni, ma che avrebbe dovuto essere successiva alla realizzazione di una strada di collegamento con la stazione di Campo di Carne e ad una migliore ripartizione del traffico che, soprattutto nelle ore di punta, potrebbe risultare ingestibile.