Home Calcio Calcio, Lavinio battuto a Gaeta in Coppa

Calcio, Lavinio battuto a Gaeta in Coppa

494
0
SHARE

Una sconfitta che brucia ma lascia ampiamente aperto il discorso passaggio del turno per il Lavinio Campoverde, superato 4-3 dal Mistral Gaeta. Un risultato che potrà essere sicuramente ribaltato nella gara di ritorno, in programma al campo Bridgestone di Aprilia mercoledì 27 settembre.

Grande prova di carattere del Lavinio Campoverde

Sotto di tre reti il Lavinio è riuscito a recuperare nonostante l’inferiorità numerica, a un certo punto doppia, venendo sconfitto nel recupero dai padroni di casa del Mistral Gaeta. Partenza fulminante dei padroni di casa che passano due volte, al 13′ con Di Florio su assist di Esposito e al 14′ con Fiore. Al 17′ l’arbitro fischia un rigore in favore del Lavinio Campoverde ma Giancana si fa nautralizzare la conclusione da D’Incà. Molto più freddo si dimostra Esposito che al 26′ dagli undici metri non fallisce segnando il gol del 3-0 per i locali; nell’occasione viene anche ammonito Sandi che qualche minuto dopo rimedia il secondo giallo e quindi l’espulsione. Una prima mezz’ora incredibile, forse figlia del lungo trasferimento da Anzio a Gaeta, che avrebbe tagliato le gambe a molte squadre, non a quella allenata da Gianni Antonelli. In dieci il Lavinio reagisce e al 40′ Grillo accorcia le distanze. L’impresa di recuperare sembra impossibile ma gli anziati ci riescono nella ripresa. Partenza a mille degli ospiti con Cannirato che al 48′ segna il 3-2 e con Loreti che al 56′ completa la rimonta. Al 66′ Capolei si fa espellere, anch’egli per doppia ammonizione, lasciando i suoi in nove. Il Lavinio resiste fino al 91′ quando Di Florio trova la doppietta personale e il gol del 4-3. Grande il rammarico, sia per il rigore fallito da Giancana, sia per le occasioni fallite da Omar e Grillo sul 3-3. Nella gara di ritorno alla formazione anziate basterà vincere col minimo scarto per passare il turno, a meno di non assistere a una festa del gol di proporzioni ancora maggiori rispetto a quella vista oggi a Gaeta.