SHARE
casapound Anzio
La protesta di CasaPound “Basta degrado”
Questa mattina finte buste di immondizia  con il logo della bandiera blu e  lo striscione con scritto “Basta Degrado” sulla recinzione di Villa Adele sono stati il ‘buongiorno’ che CasaPound ha voluto dare all’assessorato all’ambiente protestando per le condizioni in cui versa la città di Anzio  soprattutto delle periferie, con l’estate che avanza e che richiama a sé più turisti.
Abbiamo deciso di concretizzare le migliaia di proteste inascoltate di cittadini e turisti della nostra città – esordisce la nota di CasaPound – inerenti lo stato di abbandono di quella che, specie in questa stagione, dovrebbe essere una città turistica vestita con il suo abito migliore. Non solo il centro ma soprattutto le periferie versano in condizioni mai viste. Il servizio di raccolta rifiuti sembra non essere in grado di far fronte alle tonnellate di materiale da raccogliere, l’inciviltà di alcuni e la mancanza di controllo fanno il resto“.
Dopo aver presentato il problema CasaPound punta il dito contro l’amministrazione comunale.
Pretendiamo – conclude la nota – che dimostrino di avere invece un minimo residuo di rispetto per Anzio monitorando seriamente l’operato della ditta appaltatrice e installando un servizio di videosorveglianza necessario a colpire gli irresponsabili che continuano ad abbandonare rifiuti di ogni genere, specialmente in prossimità delle isole ecologiche e nelle aree periferiche del territorio“.