Anzio: bonifica del porto. Aarriva “PFU Zero sulle coste italiane”

Anzio: bonifica del porto. Aarriva “PFU Zero sulle coste italiane”

956
0
SHARE
La locandina dell'evento

Il consorzio EcoTyre e l’associazione Marevivo fanno tappa ad Anzio con l’innovativo progetto ‘PFU Zero sulle coste italiane”, che si terrà domani a partire dalle ore 9.
Si tratta della campagna di sensibilizzazione e di raccolta e recupero degli PFU-Pneumatici Fuori Uso in mare e a terra.
Le operazioni di recupero si svolgeranno lungo via del Molo Pamphili, sia a terra sia nel tratto di mare antistante l’edificio hangar.
Le attività a mare verranno svolte dagli Ots della società Capo d’Anzio, dalla Divisione Sub Marevivo con la collaborazione dei diving AlexSub, Gruppo Solaris, L’Uomo e il Mare. Nel frattempo  verranno svolte le attività di pulizia della spiaggia e della scogliera adiacente lo stabilimento “Ondina”.

Le gomme giunte a fine vita raccolte verranno condotte dai mezzi del consorzio EcoTyre agli impianti di trattamento per essere correttamente gestite.

La simpatica mascotte di EcoTyre, Gummy, si occuperà, poi, delle attività di animazione con l’importante scopo di far capire a tutti i presenti come funziona la corretta filiera di gestione degli PFU e quanto sia importante la salvaguardia del mare e dei suoi abitanti.

Alle 11, sulla terrazza della Lega Navale, dopo i saluti di benvenuto del suo presidente Luigi Ravioli e del sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, interverranno Alessandro Cingolani, Comandante della Capitaneria di Porto di Anzio, Marco Staccioli, Direttore Marittimo del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, Marco Minghetti, Presidente Circolo della Vela di Roma, Antonio Bufalari, Amministratore Delegato della Capo d’Anzio Spa, Carmen di Penta, Direttore Generale Marevivo ed Enrico Ambrogio, Presidente EcoTyre.

Nessun commento

Lascia un commento