Home Eventi Pesce povero e mazzama di Anzio protagonisti della Prova del cuoco: l’intuito...

Pesce povero e mazzama di Anzio protagonisti della Prova del cuoco: l’intuito dei fratelli Naciti

3331
0
SHARE

La cucina di Anzio sarà protagonista ancora una volta del piccolo schermo su scala nazionale: ospiti della trasmissione “La prova del cuoco” su Rai 1 condotto da Antonella Clerici e Fabio Picchi saranno infatti gli chef nostrani Roberto e Massimo Naciti, titolari di quattro ristoranti tra Anzio e Nettuno – tra cui La fraschetta del Mare, la Baia di ponente e Zeromiglia – che per l’occasione proporranno al grande pubblico i tagliolini fatti in casa con filetti di mazzama di Anzio su briciole di pane. Un vero e proprio inno al pesce povero di Anzio, spiegano i fratelli che da tempo hanno diretto la loro attenzione su questa tipologia di pesce, riuscendo a riproporre la cucina anziate di un tempo a prezzi decisamente modici. “Oltre al pesce povero c’è poi la mazzama che non ha un valore commerciale: è il pesce che, per tradizione, spetta a chi lavora sui motopescherecci e non all’armatore – spiegano Massimo e Roberto – Queste cassette vengono vendute direttamente sulla banchina e il ricavato se lo dividono i pescatori.  Con la mazzama si possono realizzare delle ottime minestre di pesce, fritture di paranza ed i nostri tagliolini che presenteremo nel programma della Clerici. L’asta di Anzio è tra le più costose d’Italia; nonostante questo il nostro pescato, di qualità superiore rispetto ad altri, è sempre richiestissimo con livelli di prezzo molto alti”. Giovanissimi, i due chef hanno iniziato la loro attività nei ristoranti del porto fino ad arrivare ad aprirne tre su Anzio e uno a Nettuno e sono i precursori del nuovo modo di fare ristorazione di pesce che contraddistingue una buona parte dell’offerta gastronomica di Anzio. Grazie soprattutto all’intuito di Roberto, hanno infatti introdotto una novità semplice quanto azzeccata: quella di offrire una cucina economica sul modello delle fraschette dei Castelli, sostituendo alla carne il pesce, quello povero che già un tempo costituiva l’ingrediente principale dei piatti popolari “portodanzesi”. Vedremo i due fratelli in azione venerdì 28 aprile alla Prova del cuoco che rappresenterà  una ulteriore e prestigiosa vetrina per la città di Anzio. A fare i complimenti ai Naciti – e indirettamente anche a tutti i ristoratori di Anzio, è direttamente il sindaco Luciano Bruschini: “I nostri ristoranti di Anzio, nella cucina marinara, sono di gran lunga i migliori d’Italia. I ristoratori, insieme a tutta l’economia del mare, sono tra le tante eccellenze della nostra Anzio che, in questi anni, abbiamo sempre valorizzato insieme ad un territorio noto, in tutto il mondo, per la sua gloriosa storia”.