Pitbull pericoloso: recuperato dalla Polizia locale e trasferito nel canile

Pitbull pericoloso: recuperato dalla Polizia locale e trasferito nel canile

2484
0
SHARE
pitbull

Era diventato un incubo per chi lo incrociava il cane meticcio pitbull che nelle scorse settimane si è reso protagonista di varie aggressioni ai danni di cittadini e persino di un agente della Polizia locale che aveva tentato di riportarlo alla calma dopo che aveva seminato il panico all’interno dei giardini di Villa Adele. Questa mattina, accertata la pericolosità dell’animale dal servizio veterinario della Asl, il cane è stato sottratto al suo padrone e affidato al canile municipale.

A darne comunicazione è la stessa Polizia locale di Anzio che ha eseguito l’ordinanza emessa, sul caso specifico, dal sindaco Luciano Bruschini a tutela della cittadinanza. Secondo quello che è stato possibile ricostruire, il cane, regolarmente denunciato, risulta di proprietà di una donna – di nazionalità romena – che però lasciava l’animale alla sorella minore. Ben quattro le sanzioni elevate a suo carico nel giro di pochissimi mesi, perché condotto in strada e al parco senza guinzaglio e senza museruola. Poi, a seguito della denuncia di alcuni frequentatori di Villa Adele dove il pit aveva praticamente generato il caos e aggredito uno degli agenti intervenuti, l’ennesima sanzione. E l’invito a condurre il cane con guinzaglio e museruola.

Invito rimasto ancora una volta lettera morta: altre tre aggressioni al centro di Anzio, tra cui una donna in spiaggia che ha sporto regolare denuncia presso il comando dei Carabinieri. Immediata a questo punto la richiesta al servizio veterinario dell’Azienda sanitaria di pronunciarsi circa la pericolosità dell’animale. A seguito di tale certificazione, nei giorni scorsi la firma dell’ordinanza sindacale e l’odierna esecuzione che ha portato il cane in affidamento al canile municipale a spese del proprietario dal quale, ovviamente, è stato allontanato.

Nessun commento

Lascia un commento