SHARE
rifugiati

La seconda edizione della “Giornata del cricket per migranti e rifugiati politici”, in programma sabato 8 e domenica 9 aprile 2017 in varie città della nostra penisola, permetterà alla Federazione Cricket Italiana di rinnovare, attraverso la pratica sportiva, l’impegno costante in favore dell’integrazione sociale. Molti nuovi ospiti giungono nel nostro Paese attraverso percorsi difficili, a volte estremi, da terre lontane, martoriate da conflitti: il gioco del cricket è, per queste persone, un punto di riferimento importante del tessuto socio-culturale di origine. L’occasione di poterlo praticare anche in Italia restituisce loro, seppur per un solo weekend, la positiva sensazione di “essere a casa”. Con il patrocinio del Coni nazionale, di UNHCR, Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite e della Croce Rossa Italiana, la manifestazione si inserisce a pieno titolo nel contesto di quelle iniziative di “responsabilità sociale” costantemente promosse e monitorate da diversi soggetti tra cui il massimo ente sportivo italiano.

L’evento arriverà anche a Roma, nella giornata di domani, a partire dalle ore 9, presso la splendida cornice del Roma Capannelle Cricket Ground, unico campo da cricket internazionale di Roma,
La giornata prevede un torneo six a side di cricket, composto da ragazzi rifugiati o profughi in Italia provenienti dai vari SPRAR (Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Roma.
Coordina la giornata il Delegato Regionale FCrI del Lazio Leandro Jayarajah, con arbitri e segnapunti ufficiali della FCrI, insieme all’assistenza tecnica degli istruttori federali del Roma Capannelle Cricket Club, storica squadra del Cricket Italiano.

Ⓒ RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Lascia un commento