Home In evidenza La storia di Nicolò, bimbo speciale. I genitori: “Grazie al Gsd Falasche:...

La storia di Nicolò, bimbo speciale. I genitori: “Grazie al Gsd Falasche: nostro figlio parte di una squadra”

10653
0
SHARE
La testimonianza di Tiziana e Sandro: “Nicolò è diversamente abile ma grazie allo sport – che è un potente metodo per favorire l’integrazione e il rispetto delle regole – e al Gsd Falasche si sente incluso”

E’ una storia che fa riflettere e che restituisce gioia al cuore quella del piccolo Nicolò, bambino speciale in tutti i sensi, iscritto alla società sportiva Gsd Falasche, felice di farne parte perché lo sport non è solo gioco o socializzazione. Ma soprattutto – e la sua esperienza lo dimostra – anche rispetto delle regole per favorire una concreta integrazione nella comunità. Anche tra bambini normodotati e bambini diversamente abili. A raccontare la sua storia sono i genitori di Nicolò, Tiziana Cappelli e Sandro Corsi: “Come genitori di tre figli abbiamo sempre pensato che lo sport fosse un potente strumento educativo e formativo, fondamentale nello sviluppo fisico e sociale dei nostri figli. Siamo convinti che, attraverso lo sport, i nostri figli potranno  conoscere loro stessi ed il proprio corpo acquisendo, attraverso la pratica sportiva, le regole sociali in modo da favorire l’integrazione con il resto della comunità. Nicolò, uno dei nostri figli, è diversamente abile… ha la sindrome di down: per alcune persone pensare di avere un figlio con disabilità significa avere una sfortuna, ma noi possiamo testimoniare quanto questo non sia vero, anche se non nascondiamo che, a volte, sia difficile e faticoso. Ma avere un figlio con disabilità è un’opportunità di crescita anche per la famiglia in quanto consente di vedere oltre il concetto di normalità, dando un nuovo e autentico senso alla vita“. Purtroppo, a volte, – si sentono di dire Tiziana e Sandro – è difficile crescere un figlio in un mondo che ancora, in molti ambiti, sembra non considerare il diversamente abile alla pari di un normodotato e lo sport, in alcuni casi, diventa uno di questi settori. “Per questo motivo oggi ci sentiamo di ringraziare di vero cuore la Società Sportiva GSD Falasche e nello specifico i dirigenti Antonino Magliozzi, Gianluca Nicolò, Alberto Alessandroni, Evaldo Malgieri, Clemente Neroni e gli allenatori Giampiero Cherubini e Luciano Bottoni che hanno accolto nostro figlio, con affetto ed entusiasmo, tra i bambini della scuola calcio. Grazie a loro,  nostro figlio è parte di una squadra, si sente incluso e non escluso, si integra con i suoi coetanei. Nello sport tutti sono uguali e l’integrazione è l’obiettivo; lo sport è la fonte e il veicolo per l’inclusione sociale. Grazie scuola calcio del Gsd Falasche: con voi, nostro figlio, potrà crescere nel pieno rispetto di se stesso e degli altri, abbattendo le barriere del pregiudizio, dell’intolleranza e della paura delle diversità“. Grazie ai genitori per questa splendida testimonianza e per questo inno alla vita!